Sono dolci e profumati, e puntualmente ogni anno i miei due alberi ne producono in abbondanza. A differenza dei loro cugini limoni e arance, la buccia del mandarino è sottile e di facile rimozione e racchiude dei succosissimi spicchi di colore arancio chiaro. L’albero, il mandarino, in genere, raggiunge altezze variabili da 2 a 4 metri; se le condizioni climatiche sono stati congeniali, arriva a produrre fino a 700 – 800 frutti. Una pianta molto antica, affonda le sue radici nelle zone tropicali dell’Asia e, in particolare, nella Cina meridionale. Raggiunse il bacino del Mediterraneo all’inizio del XIX secolo, approdando dapprima in Spagna e Portogallo e poi anche qui da noi, in particolare nel sud Italia. Troviamo coltivazioni molto interessanti, infatti, in Sicilia ma anche in Calabria, Puglia e Campania.

Tra gli agrumi è quello più ricco di zuccheri, il che lo rende il più dolce, ma anche il più calorico di questa categoria di frutti. La buccia è molto preziosa, perchè ricca di limonane, una sostanza antiossidante utilizzata per ricavare un olio essenziale che cura la cellulite.

Ricchi di vitamina C, vitamine del gruppo B, A e P, acido folico e diversi minerali tra cui magnesio, potassio e ferro. Ottimo gustato nel tardo pomeriggio in quanto ricco di bromo, una sostanza che favorisce il sonno e il rilassamento. Facilmente digeribili aiutano il regolare funzionamento dell’intestino. Alleati anche nella prevenzione di malattie da raffreddamento e nel proteggere capillari e ossa.

CREMA AL MANDARINO

Una crema pasticcera aromatizzata al mandarino che mi torna utile per farcire torte o crostate o semplicemente mangiata così, al cucchiaio. Rispetto ad una crema all’arancia o al limone, si presenta più compatta, in quanto il mandarino mostra meno acidità e più dolcezza. Quindi, si può tranquillamente sfruttare anche il succo di questi splendidi frutti. Una crema per gli amanti del biologico e per chi non può fare ameno della frutta.

INGREDIENTI PER 500 G DI CREMA: 300 ml di latte; 200 ml di succo di mandarino; 3 tuorli; 90 gr di zucchero semolato; 50 gr. di farina 00; qualche pezzo di scorza di mandarino

Spremi i mandarini e di alcuni conserva qualche pezzo di scorza. Metti da parte il succo ottenuto. Monta i tuorli con lo zucchero, fino a renderli bianchi e spumosi. Aggiungi la farina, quindi, amalgama bene ai tuorli, alternando con un paio di cucchiai di latte presi dal totale.

Unisci il resto del latte, il succo di mandarini e le scorze. Amalgama bene tutti gli ingredienti. Versa il composto in un tegamino e, sempre mescolando, porta a cottura fino ad ottenere una crema densa. Togli la crema dal fuoco e fai raffreddare, coprendo con della pellicola fino all’utilizzo.

Categorie

Archivio