Impossibile mangiarle crude ma quando vengono cotte diventano veramente deliziose al palato e le ricette sono tutte squisite! Diffuse oggi in tutto il bacino del mediterraneo, giunsero in Europa intorno al XV secolo grazie agli arabi che la scoprirono a loro volta in Cina e India.

Il sole è un elemento essenziale per la crescita della melanzana che infatti predilige i climi non molto freddi (generalmente, sotto la temperatura di 12-13 °C la crescita si interrompe), ed è dunque un ortaggio tipicamente estivo. Per questo motivo, la semina avviene a partire dai mesi primaverili e la raccolta, a scalare, può durare fino alla fine dell’estate.

Pur potendosi adattare a diversi tipi di terreno, è piuttosto esigente rispetto alla fertilità del suolo: preferisce quindi terreni di medio impasto (o anche più sabbiosi). Dal sapore tendente all’amaro e dotate di grandi capacità di assorbimento,  sono ricche di fibra e non mancano le vitamine (A, B e C), i preziosissimi sali minerali (in particolare fosforo, sodio, calcio e potassio) e naturalmente tanta acqua.  Un toccasana per  funzionamento del sistema cardiovascolare, dell’intestino e del fegato.

Esistono diverse varietà di melanzane. Possono essere allungate, rotonde, ovali, mentre i colori spaziano dal bianco al violetto, dal viola scuro al nero, ma esistono anche melanzane gialle o rosate. Vista l’alta presenza di solanina, è bene non mangiarle crude. Con la cottura, però, questa sostanza tossica si elimina in gran parte e il gusto sgradevole e amarognolo di questo ortaggio acquista invece tutt’altro sapore.

Si possono cucinare in molti modi: alla griglia, fritte, ripassate in padella oppure si può scegliere di utilizzarle per fare delle ottime conserve , oppure delle gustose crema o salse con le quali condire pasta e risotto ma anche da spalmare sul pane come aperitivo.

Molte ricette prevedono una fase preliminare alla vera e propria cottura che è la salatura a cui devono seguire il risciacquo e l’asciugatura. Questo serve a far uscire la gran parte di acqua di vegetazione di cui sono ricche le melanzane, renderle più morbide e diminuire così il quantitativo di solanina. Ovviamente, a seconda della cottura a cui sono sottoposte e al condimento che si utilizza per renderle più gustosi i piatti, possono essere più o meno sane e facilmente digeribili.

Bene, gli elogi per il momento sono terminati, adesso però, voglio presentarti le mie 4 ricette preferite che non perdo occasione di fare quando giungono in dispensa le prime melanzane che raccolgo fresche dalle mie piante in estate, tempo di maturazione di questi ortaggi:

POLPETTE DI MELANZANE

Piccoli e sfiziosi bocconcini da gustare uno dopo l’altro per assaporare un mix di morbidezza e croccantezza, perfetti da servire come alternativa vegetariana alle classiche polpette di carne a cui non hanno nulla da invidiare!

Molte sono le regioni italiane che ne rivendicano la paternità, ma una cosa è certa: questa ricetta appartiene al meridione, dove d’estate si colgono gli ortaggi più teneri e dolci. Sono talmente buone che vengono divorate subito appena tolte dall’olio di frittura. Quindi se vuoi conservarne un pò da consumare il giorno dopo, ti consiglio di farne un bel pò!

INGREDIENTI

  • 800 g di melanzane
  • 120 g di pecorino grattugiato
  • 1 spicchio d’aglio;
  • sale fino;
  • 120 g di pangrattato;
  • 2 uova;
  • pepe nero;
  • 1 ciuffo di prezzemolo fresco;
  • olio di semi di arachidi per friggere le polpette

PREPARAZIONE

Lava le melanzane e stendi su una leccarda foderata con carta da forno, quindi cuoci in forno a 200 °C per un’ora. Una volta cotte, lascia intiepidire e priva della buccia e del picciolo. Disponi la polpa, così ottenuta, in un colino e schiaccia leggermente con i rebbi di una forchetta, in modo da eliminare il liquido in eccesso.

Trasferisci la purea di melanzane all’interno di una ciotola, unisci le uova, l’aglio tritato, il pangrattato, il formaggio, il sale, il pepe e il prezzemolo tritato.
Impasta il tutto con le mani per amalgamare il tutto (se l’impasto dovesse risultare poco compatto, aggiungi ancora poco pangrattato). Una volta pronto l’impasto, preleva una piccola porzione e, sempre con le mani, forma delle polpette tonde, della grandezza di una noce, che passerai nel pangrattato.

Terminato tutto il composto, in un tegame versa l’olio e fai riscaldare. Quando questo sarà caldo, immergi pochi pezzi per volta e fai friggere fino a che risulteranno ben dorate. Scola dell’olio in eccesso e versa in un recipiente foderato con carta assorbente. Servi le polpette ancora calde.

MELANZANE GRATINATE AL FORNO

Melanzane, olio extravergine d’oliva, spezie ed erbe aromatiche a piacimento, formaggio e pangrattato sono i pochi ingredienti per preparare questo gustoso contorno, ideale per accompagnare secondi a base di carne o di pesce, oppure gustarle da sole.

Si possono preparare in anticipo, riponendole in frigo ed infornandole giusto prima di servire. Se dovessero avanzare, puoi conservarle in frigo coperti da pellicola per un paio di giorni, magari ripassandole al forno per 5 minuti prima di servirle, giusto per recuperare l’effetto gratinato.

INGREDIENTI

  • 3 melanzane ovali nere;
  • 100 g di pangrattato;
  • un mix di erbe aromatiche: prezzemolo, timo, basilico, menta;
  • 40 g di pecorino; grattugiato;
  • 2 – 3  spicchi di aglio;
  • olio extravergine d’oliva;
  • sale fino;
  • pepe nero

PREPARAZIONE

Lava e spunta le melanzane, taglia a rondelle spesse mezzo centimetro circa e adagiale su carta da forno sistemata in una teglia. Inforna a 200 °C per circa 15 – 20 minuti, girandole a metà cottura.

Nel frattempo, in una ciotola versa il pangrattato e aggiungi il resto degli ingredienti: pecorino, erbe aromatiche e aglio tritato, sale e pepe.
In un altra ciotola versa l’olio quanto basta per inzuppare tutte le fette di melanzane.

Adesso, prendi ogni fetta, inzuppa prima nell’olio e poi passa nella panatura e man mano che prepari le fette sistemale nella stessa teglia che hai usato per la cottura delle melanzane. Inforna nuovamente questa volta a 170 per circa 10 minuti, girandole dall’altro lato a metà cottura, per far dorare la panatura

MELANZANE SOTT’OLIO (CONSERVAZIONE A CRUDO)

Ottimo come antipasto, un contorno, per condire delle gustose bruschette, oppure saranno il condimento perfetto per l’insalata di riso.

INGREDIENTI

  • 4 kg di melanzane ovali nere;
  • 2 lt di aceto di vino bianco;
  • sale grosso; 4 peperoncini piccanti;
  • 6 spicchi di aglio;
  • 1 cucchiaio di origano;
  • foglie di menta fresca;
  • olio extravergine d’oliva

PREPARAZIONE

Lava le melanzane, elimina le estremità, sbuccia e taglia prima a fette e poi a striscioline, due cm di spessore (sbuccia e taglia due melanzane alla volta).
In un barattolo di vetro grande e dai bordi alti sistema le due melanzane tagliate a striscioline, irrora con aceto e sale (l’aceto deve coprire ogni strato di melanzane). Procedi fino a tagliare tutte le melanzane e a sistemarle nel barattolo.

Sul barattolo sistema un piatto e su questo un peso (esempio, un recipiente pieno d’acqua, che servirà per pressare bene le melanzane). Lascia così le melanzane a spurgare per almeno 12 ore.

Trascorso il tempo di riposo, elimina tutta l’acqua di vegetazione, prelevando un pò di melanzane alla volta e strizzando per bene con le mani. Man mano che le strizzi, sistema su un canovaccio da cucina pulito, ben stese senza sovrapporle, e lascia per un’oretta circa.

Adesso, prepara tutti gli aromi: sbuccia gli spicchi d’aglio e riduci a pezzettini; trita il peperoncino. Versa le melanzane in una ciotola capiente e aggiungi tutti gli aromi: aglio, peperoncino, foglie di menta e origano. Irrora dell’olio e dai una mescolata.

Inserisci le melanzane nei barattoli, pressale bene con le mani, aggiungi olio fino all’orlo. Lascia le melanzane sott’olio in un luogo fresco e aspetta un’oretta prima di chiudere i vasetti ermeticamente. Controlla il livello dell’olio, se quello che hai aggiunto prima è andato giù, rabbocca con altro olio fino a coprirle completamente. Chiudi adesso ermeticamente ogni barattolo e conserva in luogo fresco e al buio per almeno un settimana prima di consumare

MELANZANE SOTT’OLIO (PRE-COTTURA DELLE MELANZANE)

Un altro modo di conservare le melanzane che vengono bollite un pò prima di inserirle nei barattoli con tutti gli aromi e l’olio, naturalmente. La differenza con l’altro metodo, in termini di gusto e sapore e minima. Ideali per un antipasto, un contorno per piatti a base di carne o pesce, per condire bruschette, oppure per rendere ancora più deliziosa un’insalata di riso.

INGREDIENTI

  • 1 kg di melanzane;
  • 1 lt di acqua;
  • 1 lt di aceto bianco;
  • 2 – 3 spicchi d’aglio;
  • olio extravergine d’oliva;
  • sale grosso;
  • foglie di menta fresca

PREPARAZIONE

Elimina il peduncolo con il calice annesso delle melanzane, sbuccia e taglia a fette di circa 7/8 mm di spessore nel senso della lunghezza. Sistema tutte le fette in uno scolapasta, formando degli strati, e tra uno strato e l’altro cospargi del sale grosso. Sulla sommità delle melanzane adagia un piatto e su questo un peso (tipo una pentola piena d’acqua). In questo modo perdono in modo più veloce l’acqua di vegetazione in essa contenuta, che è molto amara e nociva. Lascia sotto peso per un paio d’ore.

Trascorso il tempo della spurgatura, sciacqua le fette sotto l’acqua corrente, per rimuovere quanto più sale possibile, e strizza per togliere gran parte dell’acqua.

In una pentola  versa l’acqua con l’aceto e porta ad ebollizione. Tuffa le fette e fai bollire per un paio di minuti;  scola bene e lascio asciugare tutte le fette su dei canovacci.

Riprendi le fette di melanzane messe da parte, taglia a listarelle e poi incomincia e sistemare a strati nei vasetti, alternando uno strato di fette di melanzane con tutti gli aromi. Infine, aggiungi olio fino riempire ogni barattolo e comunque fino  a coprire completamente le melanzane. Chiudi ermeticamente ogni barattolo e conserva in luogo fresco e asciutto.

CONDIVIDI L’ARTICOLO

PAGINE SOCIAL

Categorie

Archivio

ISCRIZIONE ALLA NEWSLETTER

LEGGI IL MIO LIBRO

VAI ALLO SHOP!

LETTURE DI APPROFONDIMENTO

VAI ALLO SHOP!
VAI ALLO SHOP!
VAI ALLO SHOP!
VAI ALLO SHOP!
VAI ALLO SHOP!
VAI ALLO SHOP!