Patate bollite, formaggio, uova, noce moscata e un pizzico di pepe, ecco una preparazione semplice ed un risultato davvero straordinario. Antipasto sfizioso senza tempo, peccati di gola che ci si può concedere ogni tanto e che rientrano a pieno titolo nella grande famiglia dei finger food.

Le patate sono tuberi originari dell’America centro-meridionale. La pianta giunse in Europa nel XVI secolo, quando ancora non si sapeva che fosse tossica se mangiata cruda. Quindi, dopo una prima diffidenza dovuta ai numerosi morti che si ebbero in seguito al consumo del tubero, si diffusero diventando uno dei vegetali più coltivati al mondo. Pensa, ne esistono più di 2000 varietà suddivise in due grandi gruppi, ovvero quella a pasta bianca, farinose e adatte alla preparazione di purè, e quelle a pasta gialla, più compatte e quindi adatte ad essere cucinate.

Un mix di vitamine e sali minerali, contengono fibre e un buon contenuto di amido. Quest’ultimo componente, che è in sostanza uno zucchero complesso, fa sì che sul consumo di patate  ci sia diffidenza e perplessità. Comunque, prevedendo un consumo moderato ed evitando il più possibile la frittura in olio, tutto sommato favoriscono la diuresi, sono anti-colesterolo, fanno bene alla pelle, ai muscoli e alle ossa. Da citare anche le proprietà sedative: le patate, infatti, favoriscono il sonno! Crude sono velenose per via del contenuto di due sostanze tossiche per l’uomo: solanina e cocanina.

Ogni volta che servo queste crocchette, spariscono in un lampo! Del resto, con la loro panatura croccante e dorata e il ripieno morbido, come si fa a non apprezzarli? E allora….che l’olio inizi a scaldarsi!

Ingredienti

Per l’impasto

  • 1 kg. di patate
  • 1 cucchiaino di noce moscata
  • 1 uovo
  • Pepe nero
  • 100 gr. grana grattugiato

Per la panatura

  • 4 tuorli
  • pangrattato
  • farina

Per la frittura delle crocchette

  • 1 litro di olio di semi di arachidi

Ricetta: facile

Preparazione: 30′

Tempo di cottura di tutte le crocchette: 20 minuti

Dosi per: 25 – 30 crocchette


Come preparare le crocchette di patate

  • Dopo averle lavate e pulite dai residui di terra, verso le patate con la buccia in un tegame capiente, copro con acqua corrente e faccio lessare (occorreranno all’incirca 15 – 20 minuti). Una volta pronte, lascio raffreddare e poi le sbuccio.

  • Con lo schiacciapatate, riduco le patate in purea. A parte, in una ciotolina, sbatto l’uovo e aggiungo alla purea di patate. Aggiungo adesso, noce moscata, pepe, formaggio, mescolo con un cucchiaio per amalgamare gli ingredienti fino ad ottenere un composto morbido e non troppo asciutto. Ora è arrivato il momento di formare le crocchette: stacco un pezzo di impasto alla volta e plasmo per ottenere dei pezzi a forma di cilindro. Man mano che formo le crocchette, le adagio su un vassoio rivestito con carta da forno.

  • Ultimato l’impasto, procedo con la panatura: preparo tre ciotole rispettivamente con i tuorli sbattuti, il pangrattato e la farina. Passo le crocchette prima nella farina, poi nell’uovo e infine nel pangrattato e, successivamente, adagio le crocchette su un vassoio rivestito con carta da forno.

  • Scaldo l’olio in un tegame e quando questo diventerà bollente, tuffo 3 – 4 crocchette alla volta. Faccio friggere nell’olio, rigirandole di tanto in tanto con una schiumarola fino a quando non saranno ben dorate. 


Ancora calde sono croccanti e davvero buone. Quindi, non bisogna far passare molto tempo dalla fine della cottura altrimenti diventeranno gommose e il gusto ne risentirà un poco.

CosimoC.

VUOI RIMANERE AGGIORNATO COL BLOG? ISCRIVITI ALLA MIA NEWSLETTER E RICEVI I PROSSIMI POST NELLA CASELLA DI POSTA

CATEGORIE

ARCHIVIO

ULTIMO ARTICOLO

Vuoi rimanere aggiornato col blog? Iscriviti alla mia NEWSLETTER e ricevi i prossimi post nella casella di posta