Nella versione classica del tiramisù i biscotti vengono inzuppati con il caffè. Se hai qualche problema con questa bevanda, perchè non ti piace la sua aroma o perchè ti crea problemi alla salute, ecco l’alternativa altrettanto deliziosa: con il latte di mandorle fatto in casa!

I passaggi sono simili a quelli per fare il tiramisù classico, solo che, invece di inzuppare i  biscotti nel caffè, dovrai inzupparli nel latte di mandorla. Risultato? Un dolce cremoso, leggero, io lo trovo anche più buono di quello al caffè. Forse perchè adoro le mandorle? In ogni caso, ecco la ricetta:

Ingredienti (dosi per 6 – 8 persone)

  • 4 tuorli
  • 100 gr. di zucchero
  • 500 ml di latte di mandorle
  • 45 gr. di amido di mais
  • 100 gr. di yogurt bianco
  • 150 gr. di mascarpone
  • 300 gr. di Savoiardi
  • Latte di mandorla per inzuppare i biscotti q.b
  • Scaglie di mandorle per decorare (facoltativo)

Preparazione

Inizia con la preparazione della crema: versa il latte di mandorla in un tegame, metti sul fuoco fai raggiungere il bollore.

In una ciotola, a parte, sbatti i tuorli insieme allo zucchero, setaccia dentro l’amido di mais e mescolo bene. Preleva un mestolo di latte caldo, versa nel composto di uova e zucchero, mescola  con una frusta per stemperarlo. Unisci al resto del latte, lascia addensare a fuoco dolce fino. Togli dal fuoco, trasferisci la crema in una ciotola e fai raffreddare completamente.

In un’altra ciotola, ammorbidisci il mascarpone con lo yogurt bianco. Quando la crema di uova e latte sarà completamente fredda, miscela con questa, mescola fino ad ottenere un composto perfettamente cremoso ed omogeneo.

Inzuppa i biscotti nel latte di mandorla e man mano sistema in una pirofila rettangolare, alternando uno strato di biscotti con la crema di latte di mandorle verdi e mascarpone. Formo un paio di strati, termina decorando il tiramisù con qualche scaglia di mandorle. Prima di servire lascia riposare in frigo almeno per una mezz’ora.

LE MANDORLE: BUONISSIME, SALUTARI E PER FARE TANTISSIME RICETTE

Le regine della frutta secca, un vero toccasana e un prezioso contributo naturale per combattere e prevenire numerose patologie. Grazie all’alta percentuale di grassi buoni, questi piccoli frutti oleosi sono tra gli alimenti anticolesterolo più importanti, perchè abbassano il livello di colesterolo cattivo nel sangue (LDL), contribuendo così alla salute di arterie e cuore.

Costituite per il 50% di grassi monoinsaturi e polinsaturi e una riserva importante di vitamina Esali minerali (in particolare, magnesioferro e calcio), preservano la giovinezza, la bellezza della pelle e il benessere di unghie e capelli. Da questi frutti si estrae un preziosissimo olio molto usato nella cosmesi naturale per le sue proprietà lenitive ed emollienti. Oltre ad essere una medicina naturale, sono davvero buonissime.

Il loro uso in cucina è molto vario: dalla preparazione di ricette dolci fino alla preparazione di ricette salate. Soprattutto nelle regioni dell’Italia Meridionale, sono le protagoniste di molte preparazioni gastronomiche, a cominciare dal latte di mandorla e poi biscotti, torte e varie creme. Diventano uno squisitissimo snack al naturale o tostate al forno per deliziare uno spuntino della mattina o di metà pomeriggio.

CosimoC.

RICEVI GLI ARTICOLI NELLA TUA CASELLA DI POSTA

CATEGORIE

ARCHIVIO

ULTIMO ARTICOLO