Ampie e lussureggianti foglie sovrapposte che richiamano la forma di un morbido ventaglio, una veste decisamente poco discreta che non passa di certo inosservata. La bietola è una verdura con foglie larghe, a forma di spatola, di colore verde intenso e lucente, con costa centrale chiara o, in certe varietà, rossiccia o addirittura gialla.

E’ un ottima verdura da mangiare cotta, si coltiva facilmente nell’orto e si raccoglie tagliando le foglie. Dopo averlo seminato in primavera si può continuare a raccogliere tutto l’anno, visto che la pianta “ricaccia” in continuazione.

In genere, sono a costa bianca (conosciute anche come costa d’argento) con foglie verdi, ma ci sono varietà a costa rossa come la bietola feurio e persino a costa gialla. Ci sono poi le bietole dette “erbette” che hanno la costa sottile e vengono raccolte per le foglia.

E’ una verdura che non ama gli eccessi, quindi va bene un clima temperato, da evitare le gelate e, se l’estate è troppo calda, meglio ombreggiarle un pò, perchè potrebbero soffrire il calore. Si producono in qualsiasi terreno, teme i ristagni idrici e richiedono la presenza di sostanza organica.

Le bietole si seminano tra marzo e agosto, si possono mettere in pieno campo, visto che il seme è piuttosto grandino e robusto e si tratta di una semente facile da germinare. In genere, emerge dopo una settimana/dieci giorni. Se si mette in semenzaio, si può piantare la piantina a febbraio per il trapianto in marzo.

Come per molte piante da orto, la bietola deve essere “sarchiata”, da un lato per eliminare le erbacce, dall’altro per ossigenare il terreno ed evitare che formi una crosta compatta. Richiedono un buon apporto idrico, quindi serve irrigare costantemente per ottenere coste carnose e foglie ben sviluppate. Il criterio da tenere è di cercare di bagnare spesso e poco, evitando di farlo nelle ore più calde e assolate. Si raccolgono staccando le foglie più esterne o tagliando tutta la pianta sopra il colletto se si vuole cogliere tutto.

PROPRIETA’ E BENEFICI DELLA BIETOLA

Le bietole sono innanzitutto a basso apporto calorico, sono ricche di fibre capaci di stimolare il senso di sazietà, di aiutare il corretto funzionamento dell’intestino e di limitare l’assunzione di grassi.

Contengono anche vitamine (in particolare vitamina C, A e K) e sali minerali (fra cui potassio e ferro e sodio). Interessante il contenuto di clorofilla e carotenoidi (come la luteina e betacarotene), con spiccata azione antiossidante e protettiva nei confronti delle malattie. Una verdura dal sapore dolce, estremamente digeribile, rinfrescante e diuretico, per cui preziosa per il benessere delle vie urinarie e utile per depurare l’organismo.

Svolge inoltre un’azione rinforzante sulle ossa, denti, capelli, vista, e la presenza di vitamina K, tiene in salute le attività cerebrali e sistema nervoso.

LA BIETOLA IN CUCINA

Prima di impiegarle nella preparazione di qualche ricetta, le bietole vanno sciacquate bene sotto l’acqua corrente per privarle delle impurità terrose.

Nel caso di bietole a coste, è necessario per prima cosa tagliare la parte basale della bietola, separare la costa bianca centrale dalla parte verde della foglia e poi lavare le foglie singolarmente sotto l’acqua corrente, eliminando i residui di terra. Le parti verdi delle foglie si possono, eventualmente, sminuzzare in pezzi più piccoli.

Nel caso di bietole erbette, invece, bisogna eliminare le foglie del gambo e le parti rotte, quindi lavare le foglie sotto l’acqua corrente per privarle delle impurità terrose. Queste sono ottime consumate crude in insalata, magari associandole ad altri ortaggi simili, tipo spinaci, lattuga o valeriana. Sono ottime anche in misticanza con rucola, radicchio e altre erbe, condite con aceto balsamico e olio.

Quando le bietole vengono cotte, bisogna fare attenzione ad ricorrere ad un metodo di cottura che non degradi molto le loro sostanze nutritive. Quindi, è bene preferire la cottura a vapore o la lessatura in pochissima acqua per non più di 5/7 minuti.

E’ importante ricordare che la parte verde delle foglie e le coste hanno tempi di cottura diversi, quindi è consigliabile cuocerle separatamente: se lessate, le foglie sono pronte i 5 minuti, per le coste ne servono 15 – 20 minuti. Dopo la cottura si possono conservare in frigo per un paio di giorni.

Le bietole a coste sono ottime gratinate al forno con formaggio e besciamella. Entrambe le varietà sono perfette  come ingrediente per minestrone, come ripieno nella pasta fresca, nelle omelette, nei secondi a base di carne, nelle torte salate, in sformati e focacce.

CosimoC.

Ti è piaciuto questo articolo? Lascia un tuo commento qui sotto. Per restate in contatto, iscriviti alla NEWSLETTER, segui la pagina FACEBOOK, INSTAGRAM, TWITTER e PINTEREST

SEGUIMI SUI SOCIAL

Categorie

Archivio

Tag cloud