E’ estate, le giornate sono calde e afose, tutto splende nel mio orto, tanta frutta e tanta verdura aspetta di essere raccolta! Tra questi ci sono i peperoni friggitelli. Si tratta di piccoli peperoni allungati, che sono verdi quando sono acerbi e rossi o gialli a maturazione e raggiungono i 6 – 8 cm di lunghezza. La pianta è a portamento alto, molto ramificato e iper-produttivo.

Hanno una polpa si spessore medio sottile, vantano un sapore dolce o leggermente piccante se raccolti ancora verdi, e sono squisiti se saltati in padella o fritti.

Sono particolarmente apprezzati per l’elevata digeribilità. Si tratta di un ortaggio di facile coltivazione sia in pieno campo che in vaso. Per la semina diretta nell’orto occorre piantare i semi in un ambiente protetto verso primavera, in genere, richiedono diverso tempo per germinare e nel momento in cui sbucano le piantine hanno bisogno di luce, calore e di un fertilizzante di media potenza. L’alternativa alla semina potrebbe essere quello di acquistare le piantine giò formate da un vivaista di fiducia.

La distanza da rispettare tra una piantina e l’altra è di circa 45 cm e l’esposizione deve essere in pieno sole. La pianta ha bisogno di paletti di rinforzo, in quanto produce molti peperoncini e si deve scongiurare il rischio che si fletta eccessivamente.

I frutti vanno raccolti quando misurano tra i 5 e gli 8 cm, non è necessario che cambino colore. Tra la semina e il raccolto passano circa 70 – 80 giorni. Molto importante è l’apporto idrico, soprattutto in fase di fruttificazione deve essere costante e possibilmente eseguita nelle ore più fresche della giornata, meglio se al mattino.

PROPRIETA’ E BENEFICI DEI FRIGGITELLI

Ricchi di vitamina B, vitamina C, sali minerali (potassio, magnesio, ferro, calcio  fosforo, in particolare), fibre, sostanze antiossidanti, in grado di frenare l’attività dannosa dei radicali responsabili all’invecchiamento precoce delle cellule del corpo. Ortaggi composti per il 90% di acqua, favoriscono la diuresi e migliorano la funzionalità intestinale.

Come molte altre verdure leggermente amarognole, i friggitelli rivestono un ruolo molto importante anche per le funzioni epatiche, contribuendo positivamente allo smaltimento delle tossine.

USI IN CUCINA

Il modo con cui si decide di cucinarli incide sulle proprietà dell’alimento, sulla digeribilità e sulla conservazione delle calorie.

La tradizione culinaria pugliese vuole che si cuociano in padella con olio abbondante e uno spicchio d’aglio sbucciato.

Dopo averli tagliati e privati dei semi, filamenti e picciolo, si dà una sciacquata sotto l’acqua corrente e poi fatti asciugare, per evitare che nell’olio bollente finiscano gocce d’acqua che farebbero scoppiettare l’olio stesso. In padella, l’olio deve essere abbondante. Quando l’olio si sarà riscaldato, si aggiungono e si fanno cuocere un pò; a questo punto, si aggiungono anche dei pomodorini tagliati a metà e si continua la cottura fino a renderli morbidi. Prima di servire, se gradito, si può aggiungere anche un pò di peperoncino essiccato in polvere e del sale.

I friggitelli si prestano ad essere un piatto unico oppure un condimento o un contorno saporitissimo per secondi piatti a base di carne o pesce.

Una modalità davvero interessante è metterli sott’olio: dopo averli privati di semi, filamenti e piccioli, si fanno bollire in una pentola con acqua e aceto per pochissimi minuti, dopodichè, scolati e stesi su dei canovacci ad asciugare.

Ora sono pronti per essere invasati in barattoli di vetro, precedentemente sterilizzati, con aggiunta di pezzi d’aglio e vari aromi a piacere (menta, timo, origano, etc, etc), e olio, quest’ultimo fino a riempire il barattolo e comunque ad immergere completamente i pezzi.

Chiuso ermeticamente ogni barattolo, dopo circa un mese, ecco dei gustosissimi friggitelli pronti per essere gustati come condimento di friselle o insalate di verdure.

CosimoC.

Ti è piaciuto questo articolo? Lascia un tuo commento qui sotto. Per rimanere in contatto, iscriviti alla NEWSLETTER, segui la pagina FACEBOOK, INSTAGRAM, TWITTER e PINTEREST

SEGUIMI SUI SOCIAL

Categorie

Archivio

Tag cloud