Gialli, rossi o verdi, qualunque sia il loro colore mettono allegria anche solo a vederli! E’ l’ortggio più cucinato e mangiato al mondo, tipicamente estivo, ma è adoperato anche durante l’anno per realizzare sughi, contorni e piatti molto complessi.

Originari dell’America Meridionale e delle Antille, nei paesi più caldi la pianta del peperone è coltivata come perenne. In Italia, invece, è una pianta annuale dato che il ciclo termina in inverno per il troppo freddo.

E’ molto vario nella forma, nel colore e nel sapore: possiamo trovare forme più allungate, adatte alla frittura, forme più tonde, a campana o vagamente quadrangolari. Il sapore va dal dolce al forte piccante.

Le dimensioni sono variabili a seconda della varietà. Il colore cambia nella maturazione dal verde al giallo, dal verde al rosso, dal verde allo striato giallo o rosso.

PROPRIETA’ E BENEFICI DEI PEPERONI

I peperoni sono ottimi da consumare, specialmente crudi, per via della loro ricchezza di acqua, sali minerali, come fosforo, magnesio, potassio, ferrocalcio, e vitamine.

Il peperone ha un contenuto di vitamina C quattro volte superiore a quello degli agrumi. In 50 grammi di peperoni, soprattutto se rossi, c’è il 75% della razione giornaliera raccomandata di vitamina C.

Interessante anche il contenuto di vitamina A, del gruppo B, J e K, che conferiscono a questi ortaggi proprietà antiossidante.

Un’altra sostanza presente è la capsaicina, responsabile della piccantezza che conferisce a questo ortaggio proprietà antibatteriche a analgesiche.

USI IN CUCINA

I peperoni dovrebbero essere consumati crudi per conservare intatti tutti i nutrienti, soprattutto le vitamine. Possono essere inserite anche nel pinzimonio e

nelle insalate alle quali doneranno gusto e colore. Oppure si possono consumare grigliati, in padella o ripieni.

Se sono abbastanza grandi, allora si possono imbottire utilizzando un ripieno di carne macinata, formaggio, pangrattato, uova e qualche spezia, oppure riso lesso mischiato con altri ingredienti tipo formaggio, uova e qualche spezia.

Per alcuni questi deliziosi ortaggi possono risultare indigesti e ciò principalmente  a causa della pellicina che ricopre la parte esterna del peperone, che può portare gonfiore addominale, e dei semini e filamenti bianchi che rendono difficile il transito intestinale. Per privarli di questi elementi bisogna abbrustolirli o cuocerli in forno interi. Una volta cotti diventa molto più agevole “spellarli”, in quanto la cottura favorisce il distacco della pellicina che ricopre tutta la polpa del peperone.

CosimoC.

Ti è piaciuto questo articolo? Lascia un tuo commento qui sotto. Per rimanere in contatto, iscriviti alla NEWSLETTER, oppure segui la pagina FACEBOOK, INSTAGRAM, TWITTER e PINTEREST

CATEGORIE

ARCHIVIO

Ultimo articolo pubblicato!

Iscrizione alla Newsletter!