HOME

HOME
HOME2020-09-18T15:46:39+02:00
Curare l’orto, cucinare, praticare la corsa per essere sempre in forma, ecco le mie tre passioni che coltivo da sempre. Una cucina semplice, naturale, fatta di ingredienti freschi e genuini che tutti i giorni, al levar del sole, raccolgo dal mio orto, questo straordinario “paradiso in terra” che in tutte le stagioni, come ricompensa per averlo curato e dedicatogli tempo e passione, mi restituisce frutta, ortaggi, spezie, erbe aromatiche…tutto a km 0, genuino e dalle straordinarie proprietà. Fantastico, vero?

Ricette della mia Regione principalmente, la Puglia, ma non solo. In fondo, tutta la cucina del nostro bel Paese è straordinaria; ovunque tu vada si mangia benissimo e i piatti sono davvero eccezionali!

Mangiare in modo sano ed equilibrato è importante come lo è una corretta attività fisica da praticare con costanza e senza strafare. Appena posso, in media due – tre volte a settimana, di mattina al levar del sole, mi cimento in lunghi percorsi, correndo, su sterrati e percorsi in zone collinari.

La corsa mi ridà energia positiva, libera la mente dai cattivi pensieri, dallo stress e dalle inquietudini; libera il corpo dai chili di troppo accumulati nel tempo, che irrimediabilmente lo portano ad essere meno agile e sottotono.

Leggi i miei articoli, le mie recensioni, il mio libro, naviga anche nelle altre sezioni, seguimi anche sui social, mi raccomando, iscriviti alla Newsletter, lascia un tuo commento, condividi i miei post (se ti son piaciuti ovviamente!) sul tuo social preferito.

Cosimo

Il mio orto

  • RUCOLA: COLTIVAZIONE, VARIETA’, PROPRIETA’ E USI IN CUCINA

    Buona da mangiare, versatile in cucina e ricca di proprietà benefiche, la rucola è un’erba spontanea dalle molteplici virtù che può essere anche coltivata facilmente. Pare che il nome ‘rucola’ derivi dal termine latino eruca che significa ‘bruciare’, forse ispirato al sapore pungente e piccante di questa erba. In tempi più lontani, inoltre, questa erba era considerata un afrodisiaco naturale e impiegata sotto forma di decotto per combattere l’impotenza. Si tratta di una pianta molto semplice da far crescere e produttiva, per questo è una coltivazione consigliata dell’orto famigliare biologico. Dal punto di vista delle avversità capita spesso di trovare le foglie bucherellate da altica e altri piccoli insetti, che fanno danni più estetici che di sostanza. Il bello di questa coltura è che è molto rustica e quindi si può tenere per buona parte dell’anno; inoltre ha un ciclo colturale breve, quindi dalla semina alla [...]

  • SUSINE: FRUTTI ESTIVI, BUONISSIMI, RICCHI DI PROPRIETA’ SALUTARI

    Frutti tipicamente estivi, maturano da giugno a settembre e, a seconda della varietà, alcune sono più precoci e altre più tardive. Esistono infatti varietà diverse di susine che differiscono sia per sapore che per colore della polpa e della buccia che cambia dal verde al giallo, dall’arancione al rosso, dal blu al violaceo. Il nome “susino” comprende un grande gruppo di piante da frutto, principalmente suddivise tra Susini Europei, quelli che per intenderci producono le prugne, e Susini cino-giapponesi che, invece, producono le susine vere e proprie. I frutti variano molto in forme, colori di buccia e polpa, consistenza della polpa, epoca di maturazione e sapori, che possono essere più o meno dolci. Sono frutti che si prestano bene sia per il consumo fresco sia per la produzione di marmellate squisite, anche considerando che spesso queste piante sono molto [...]

  • FAGIOLINI VERDI: COLTIVAZIONE, VARIETA’, PROPRIETA’ E USI IN CUCINA

     I fagiolini sono facili da coltivare, in particolare nelle regioni a clima temperato. Aprile e maggio sono i mesi in cui si effettua la semina. Sono piante che amano un terreno fertile, con un buon drenaggio e non troppo argilloso, e crescono bene solo se collocati in posizioni non ombreggiate. La semina deve avvenire all’aperto, dopo avere fertilizzato il terreno circa due settimane prima. Tieni presente, però, che la germinazione non avverrà a temperature inferiori ai 10 °C. In fase di accrescimento e fioritura sono ideali temperature di 15-16 °C nelle ore notturne e di 24-28 °C in quelle diurne. Prediligono condizioni di buona luminosità e temono il vento eccessivo, mentre brinate o gelate tardive conducono a morte le piante. Sono da preferire i terreni di medio impasto, freschi, profondi, relativamente poveri in calcio e con pH prossimo alla neutralità. Si possono [...]

  • PEPERONI: COLTIVAZIONE, VARIETA’, PROPRIETA’ E USI IN CUCINA

    I peperoni sono ortaggi estivi protagonisti di tantissime ricette sane, leggere e molto gustose. Possono essere di colori diversi (verde, giallo, rosso o arancione), dolci o piccanti, tutto dipende dalla quantità di capsaicina in esse contenuta: all'aumentare della quantità di questa sostanza diventano sempre più piccanti, mentre un basso contenuto determina un sapore dolce. La pianta è abbastanza esigente in fatto di sostanze nutritive; in compenso, però, regala grandi soddisfazioni al momento del raccolto. Il terreno deve essere ricco di sostanze organiche, ben sciolto, per favorire il drenaggio dell'acqua e ridurre così la formazione di ristagni d'acqua, responsabili di marciumi radicali e sviluppo di malattie della pianta. Parliamo di un ortaggio che predilige temperature miti ed estati calde, con una buona esposizione al sole, facendo attenzione, però, che il sole non sia eccessivo, in quanto il peperone potrebbe "scottarsi". [...]

  • ASPARAGI: GERMOGLI PRIMAVERILI, GUSTOSI E SALUTARI

    Gli asparagi fanno parte della famiglia delle Liliacee e quindi parenti stretti di aglio, porro e cipolla. Per coltivarli bisogna creare un'asparagiaia, impianto che si mantiene per una decina d'anni ed è abbastanza ingombrante in termini di spazio, perciò la coltura non è adatta a piccoli orti urbani. Impiega qualche anno per entrare in produzione, non si raccoglie quindi nell'anno dell'impianto come per la maggior parte delle verdure da orto. Dunque, la coltivazione un pò laboriosa ma ne vale indubbiamente la pena, perchè sono dotati di ottime proprietà nutrizionali ed è una grande soddisfazione vedere i "turioni" di asparago crescere robusti e rigogliosi. La pianta predilige un clima senza eccessi di freddo e neppure di caldo ma è abbastanza resistente e versatile. La posizione dell'aiuola dovrebbe essere ben soleggiata e non troppo esposta al sole. Il terreno deve essere [...]

  • PATATE: COLTIVAZIONE, VARIETA’, PROPRIETA’, METODI DI COTTURA E CONSIGLI PER UNA CORRETTA CONSERVAZIONE

    Appartenenti alla famiglia delle Solanacee ed originari delle Ande Peruviane, le patate necessitano di un clima mite per la coltivazione, senza particolari eccessi di freddo o di caldo. Parliamo di uno degli ortaggi più importanti tra quelli coltivati, per via del suo grandissimo utilizzo in cucina. Il terreno per la loro coltura dovrebbe essere ben concimato, usando letame maturo o concimi organici (meglio propendere per la prima soluzione), la lavorazione deve essere profonda, per offrire al momento della semina un terreno sciolto e molto drenante; per questo motivo si vanga affondando la lama fino ai 30/40 cm. La pianta della patata teme, infatti, i ristagni idrici, che farebbero marcire i tuberi. Per quanto riguarda la semina, si fa a partire dalla primavera e le temperature medie devono essere oltre i 10 gradi. L'ideale è che siano tra i 12 [...]

  • CARCIOFI: PROTAGONISTI NEL MIO ORTO IN PRIMAVERA

    I carciofi sono ortaggi protagonisti dei mesi invernali e primaverili. Fanno parte della famiglia delle Composite, coltivato e selezionato fin dai tempi antichi, di origine mediterranea. L'Italia vanta una produzione davvero interessante: oltre 500.000 tonnellate, coltivati principalmente nelle regioni del centro-sud. Capofila la Puglia con il 35% della produzione, seguita a ruota dalla Sicilia, Lazio, Sardegna e Campania. A differenza della maggior parte degli ortaggi, il carciofo è una pianta perenne, che quando le temperature sono elevate, entra in fase di dormienza per resistere a estati torride e siccitose. Ma si risveglia se riceve molta acqua. Il terreno deve essere sciolto e drenante. Le radici del carciofo sono fittonanti quindi, è particolarmente importante la fase di preparazione della terra: prima di piantare, occorre lavorare il terreno in profondità con una vangatura accurata. Oltre ad una lavorazione importante, è bene [...]

  • ROSMARINO: PIANTA TIPICA DELLA MACCHIA MEDITERRANEA, PROFUMATA E SALUTARE

    Il rosmarino è una pianta aromatica molto usata nella nostra cucina. Ottimo per insaporire le carni, per aromatizzare zuppe di legumi e cereali, fondamentale sulle patate al forno. Si tratta di una pianta sempreverde molto resistente e di conseguenza semplicissima da coltivare. Le foglie di questa pianta sono caratteristiche, strette e lunghe, a forma di aghetti, e sono le parti maggiormente profumate, per cui si usano come spezia. Quando la pianta fiorisce i fiori hanno un colore tra il bianco e il viola e sono commestibili come le foglie. Ama il caldo e predilige una buona esposizione solare. L'unico fattore che potrebbe danneggiarlo è una gelata di lunga durata. Preferisce terre aride e ben sciolte, non teme particolarmente la siccità. Bene quindi a un fondo sabbioso che sia drenante e non serve una grande ricchezza di materia organica. Il [...]

  • MENTA: PROFUMATA E SALUTARE

    La menta fa parte della famiglia delle Laminaceae, come salvia, timo e rosmarino. E' una pianta officinale conosciuta fin dall'antichità. Il termine deriva da "mintha" nome di una ninfa della mitologia greca, passando per il termine "mentha" usato dagli antichi romani che già utilizzavano la pianta. Ha un profumo intenso e fresco e basta un pezzo di foglia per apprezzare tutta la sua aroma. Cresce bene sia in vaso che in campo aperto ed è una pianta perenne, per cui non occorre seminarla ogni anno. La menta è utile all'orto perchè sgradita a diversi parassiti; si tratta quindi di un ottimo vicino per molto ortaggi, in particolare è bene averla nei pressi delle piante del pomodoro. La menta di adatta molto, anche se non ama il gelo. Come esposizione meglio evitare il pieno sole nelle zone più calde. in [...]

  • CIPOLLA: STAR NELL’ORTO E IN CUCINA!

    La cipolla è protagonista indiscussa nella maggior parte delle ricette che creo e nel tempo è diventato un ortaggio costantemente presente nel mio orto quasi tutto l'anno. Come pianta la cipolla fa parte della famiglia delle Liliacee, sono quindi parenti di aglio e asparagi, una verdura che ha un bulbo che cresce sottoterra mentre la parte aerea sono lunghi steli di colore verde scuro. Dalla cipolla dorata a quella bianca, passando per le celebri cipolle rosse di Tropea, ne esistono di vari tipi, caratterizzate da differenti colori ma anche e soprattutto da un diverso ciclo colturale e quindi periodi di coltivazione. Per questo si ha la possibilità di avere cipolle in orto praticamente tutto l'anno. La cipolla è una pianta che resiste bene al freddo, tanto da poter essere piantata in autunno e passare l'inverno in campo. Quello che [...]

  • CATALOGNA: VIVA L’AMARO IN TAVOLA!

    La catalogna è una varietà di cicoria caratterizzata da foglie verdi, dritte e allungate, la loro forma assomiglia molto a quella degli asparagi, difatti, molti la identificano con il termine di cicoria asparago. Ma le due verdure, però, non hanno niente in comune. Esistono molte varietà di catalogna, caratterizzate dal cespo di foglie allungate, dal margine dritto o frastagliato e, una varietà che merita particolare attenzione, è quella che presenta dei germogli teneri e carnosi, racchiusi all'interno delle foglie, adatte per un consumo a crudo. Una verdura dal sapore piuttosto amaro.  Foglie e germogli diventano un contorno davvero ottimo se vengono cucinate in brodo o ripassate in padella, oppure mangiate entrambi crude in insalata. La coltivazione di questo tipo di catalogna, molto diffusa in alcune regioni del sud dell'Italia, è abbastanza semplice, resiste bene anche a temperature piuttosto [...]

  • FAVE: LEGUMI TIPICI DEL PERIODO PRIMAVERILE

    Legumi conosciuti fin dai tempi antichi, dove erano coltivati e usati anche come cibo per gli schiavi, per via delle ottime proprietà nutrizionali, le fave si seminano tra ottobre e marzo, a seconda del clima. La pianta ha portamento eretto e raggiunge un metro di altezza, producendo 5 - 6 baccelli. Per quanto riguarda il sesto di impianto, la fava si semina a file distanti 70 cm tra loro e sulla fila il seme si interra ogno 20 cm. I semi si mettono a 4 - 6 cm di profondità. Ama temperature tra i 15 ed i 20 gradi, comunque non sotto i 5 gradi. Dal punto di vista dell'irrigazione, le piante di fava necessitano di acqua durante la fioritura; quindi, appena spunteranno i primi fiori, bisognerà garantirgli una corretta innaffiatura. Teme la siccità prolungata ma anche i ristagni [...]

  • BIETOLA: VERDURA DOLCE, CON OTTIME PROPRIETA’

    Ampie e lussureggianti foglie sovrapposte che richiamano la forma di un morbido ventaglio, una veste decisamente poco discreta che non passa di certo inosservata. La bietola è una verdura con foglie larghe, a forma di spatola, di colore verde intenso e lucente, con costa centrale chiara o, in certe varietà, rossiccia o addirittura gialla. E' un ottima verdura da mangiare cotta, si coltiva facilmente nell'orto e si raccoglie tagliando le foglie. Dopo averlo seminato in primavera si può continuare a raccogliere tutto l'anno, visto che la pianta "ricaccia" in continuazione. In genere, sono a costa bianca (conosciute anche come costa d'argento) con foglie verdi, ma ci sono varietà a costa rossa come la bietola feurio e persino a costa gialla. Ci sono poi le bietole dette "erbette" che hanno la costa sottile e vengono raccolte per le foglia. [...]

  • MANDARINI: PICCOLI AGRUMI, DOLCI E PROFUMATI

    I mandarini sono piccoli agrumi color arancione, dolci e profumati, che abbondano sui miei due alberi nel periodo invernale. La buccia sottile e di facile rimozione, racchiude dei succosissimi spicchi di colore arancio chiaro. L'albero, in genere, raggiunge altezze variabili da 2 a 4 metri; se le condizioni climatiche sono stati congeniali, arriva a produrre fino a 700 - 800 frutti. La storia di questo arbusto è molto antico e affonda le sue radici nelle zone tropicali dell'Asia e, in particolare, nella Cina meridionale. Il suo nome, infatti, deriva proprio da mandarini: le più alte autorità cinesi esistenti quando questa pianta raggiunse il bacino del Mediterraneo all'inizio del XIX secolo. Venne importato in Spagna e Portogallo e così è arrivato nell'area meridionale dell'Italia, dove la pianta ha trovato un ambiente perfetto per il proprio sviluppo, soprattutto in Sicilia. Troviamo [...]

  • FINOCCHI: UNA VERA DELIZIA PER IL PALATO

    Croccanti e piacevolmente profumati, i finocchi sono ortaggi davvero deliziosi e molto presenti sulla mia tavola, specie quando siamo nel periodo in cui li raccolgo freschi. Il clima migliore per uno sviluppo ottimale è temperato e non troppo freddo. Qui da noi, in Italia, si coltivano un pò ovunque, soprattutto al Centro e al Sud dove si usa mangiarli crudi come accompagnamento, oppure a fine pasto per favorire la digestione. E' un ortaggio che ama l'esposizione diretta al sole e non disdegnano terreni umidi, morbidi, ben drenati, ricco di sostanze nutritive, sia organiche che da compost. Prima della semina il terreno va preparato con un'operazione di zappatura più o meno profonda, per distribuire al meglio le sostanze nutritive e per arieggiare il terreno. La concimazione più indicata è quella a "letame", distribuito a solchi e di rimpasto con il [...]

  • CIME DI RAPA: VERDURA INVERNALE

    Infiorescenze dal gusto molto deciso e un pò amarognolo, i primi semi di questa verdura invernale sarebbero stati importati dai Genovesi dal lontano Oriente e in Europa, pare che a coltivarli per primi furono i francesi. Questa è una teoria, cui se ne contrappone un'altra secondo cui le cime di rapa sarebbero arrivate nel vecchio continente più tardi, soltanto nel XVII  secolo, sotto il nome di cavolo di Siria o cavolo di Cipro. Le prime coltivazioni su larga scala trovano spazio nel Regno di Napoli per poi essere estese a stretto giro anche al Nord, nella Pianura Padana. I semi si piantano in estate o a inizio autunno, anche se molto spesso e per ragioni di comodità vengono direttamente trapiantate le piantine. Le file si piazzano ad una trentina di centimetri l'una dall'altra. Nella prima fase vegetativa la pianta [...]

  • ARANCE NAVEL: AGRUMI INVERNALI, DOLCI E SUCCOSI

    Anche quest'anno i miei due alberi di arance sono stracolmi di questi deliziosi agrumi, che giungono a maturazione fine novembre e inizio dicembre. Un tocco vibrante di gusto e colore nel panorama nebbioso di questo ultimo scorcio d'autunno, che sta per cedere il posto all'inverno. L'area d'origine di questi agrumi è l'Asia sud-orientale e le prime tracce di coltivazione dell'arancio si hanno in Cina, verso il 2500 a.C. Dal lontano Oriente si ipotizza che l'arancia sia arrivata nell'area del Mediterraneo attraverso le vie commerciali della seta. Probabilmente, coltivata in Sicilia già nel Medioevo, la sua diffusione rimane limitata ad aree ristrette ed è soltanto grazie ai marinai portoghesi che questo frutto si diffonde ampiamente nell'Europa rinascimentale. Questi alberi non raggiungono grandi altezze: si mantengono bassi, con una chioma vivace fatta di foglie allungate di colore verde scuro. Nella [...]

  • ZUCCA: ORTAGGIO PROTAGONISTA DEI MESI AUTUNNALI

    La zucca è un ortaggio protagonista dei mesi autunnali. La pianta è di origine americana, fa parte della famiglia delle cucurbitacee, il suo nome scientifico si richiama alle dimensioni che può assumere il frutto: cucurbita maxima. Una pianta abbastanza ingombrante, richiede una ricca concimazione e spazio nell'orto, ma in fine dei conti ti ricompensa con grandi soddisfazioni. La zucca teme il gelo e riporta danni con temperature inferiori a 10 gradi, ma soffre anche se c'è troppo caldo, oltre i 30 gradi. L'ideale per coltivarla nell'orto è una temperatura mite, intorno ai 20 gradi. Nei mesi estivi più torridi può essere utile usare reti ombreggianti. Si può seminare direttamente a dimora, in alternativa si possono far crescere le piantine in vasetto. In semenzaio si semina da metà aprile e si trapiantano le piantine dopo un mese circa. Se si [...]

  • AUTUNNO, TEMPO DI RACCOLTA DELLE OLIVE DAI MIEI ALBERI

    Autunno tempo di raccolta delle olive. Sono tante le olive sui miei alberi come numerosi sono anche gli stessi alberi da ispezionare.Vivo nel Salento, terra straordinaria, ricca di alberi di ulivi. E' facile imbattersi in alberi secolari con una chioma non troppo grande ma dal tronco imponente. Poi ci sono vaste aree di terreno dove, invece, gli alberi sono di recente piantumazione (parliamo di alberi che hanno un'età che a volte non supera i 30 anni). Insomma, grandi o piccoli che siano, gli alberi di ulivo esprimono un grande fascino ed è facile rimanere incantati dalla bellezza della loro chioma, specie quando i rami sono coperti da un fogliame dal colore verde intenso e i frutti su ogni ramoscello sono tantissimi. Piante magiche e frutti magici! Le olive, una volta raccolte e destinate alla molitura, daranno origine a quella [...]

  • MELE COTOGNE: FRUTTI PREZIOSISSIMI MA DIMENTICATI

    Ecco l'autunno donarci un altro frutto che, oggigiorno, non facile da trovare, ma che ha molte proprietà e quindi meritevole di essere usato più spesso in cucina. L'albero è una pianta antichissima, coltivata già dai Babilonesi, per i Greci questi frutti erano cari a Venere e anche ai Romani era nota. Originari dell'Asia minore, si diffusero in Cina e nel bacino del Mediterraneo, e fino agli anni '60 era ben presente anche in Italia, poi a causa dello scarso interesse delle grandi reti commerciali, la sua produzione è andata via via riducendosi, tanto che oggi questi frutti sono considerati rarità, difficile da trovare al supermercato e annoverati tra i frutti dimenticati. Nell'antica Grecia, le mele cotogne erano considerate dal popolo come pegno d'amore e infatti, dice Plutarco, un decreto di Solone obbligava le giovani spose a mangiare una mela [...]

  • CACHI: FRUTTI DOLCISSIMI DELL’AUTUNNO

    I cachi sono frutti autunnali, quando sono maturi la polpa diventa morbida, color arancione e si è quasi ammaliati dalla loro dolcezza! Se, invece, sono ancora acerbi, sono di un colore verde, ricchi di tannini, che impediscono quasi di assaporarli, perchè la concentrazione di tannini nel frutto è molto alta, e questo provoca un sapore molto acre tale da renderli immangiabili. L'albero, invece, si fa chiamare con nomi davvero curiosi: caco, loto, kako. Non raggiunge grandi altezze, la sua terra d'origine è la Cina centro-meridionale. Per i cinesi era "l'albero delle sette virtù", perchè fa molta ombra, è una buona fonte di legna da ardere, il suo fogliame concima in abbondanza il terreno, non viene attaccato dai parassiti, le sue foglie hanno fantastici colori decorativi, è molto longevo e offre agli uccelli ampio spazio sui rami per nidificare. [...]

  • MELAGRANE: I SUPER FRUTTI DELL’AUTUNNO

    Autunno, tempo di melagrane, frutti straordinari, molto particolari, un concentrato di proprietà benefiche, da essere considerati dei superfood. Quest'anno, a differenza dell'anno passato, i miei tre alberi sono davvero ricolmi, e vederli così belli, rigogliosi, beh, fa un certo effetto! Frutti originari del sud- ovest asiatico, ma oggi la pianta è ampiamente coltivata in America  e nelle aree mediterranee. Malum granatum, ovvero "mela con i semi"! Questo è il nome con cui gli antichi romani chiamavano la melagrana. Ma l'origine di questi frutti è lontana e molto più antica. Provengono dall'Iran e dall'India settentrionale. Dai babilonesi arrivarono agli Egizi, che ne apprezzarono le virtù medicamentose, tanto da raffigurarle nelle tombe già nel 2500 a.C. Nell'antico Egitto, invece, con il succo della melagrana si produceva una bevanda miracolosa che si pensava potesse salvare l'umanità dalla distruzione. L'albero del melograno, [...]

  • PEPERONI FRIGGITELLI: PICCOLI, CROCCANTI E SAPORITI

    E' estate, le giornate sono calde e afose, tutto splende nel mio orto, tanta frutta e tanta verdura aspetta di essere raccolta! Tra questi ci sono i peperoni friggitelli. Si tratta di piccoli peperoni allungati, che sono verdi quando sono acerbi e rossi o gialli a maturazione e raggiungono i 6 - 8 cm di lunghezza. La pianta è a portamento alto, molto ramificato e iper-produttivo. Hanno una polpa si spessore medio sottile, vantano un sapore dolce o leggermente piccante se raccolti ancora verdi, e sono squisiti se saltati in padella o fritti. Sono particolarmente apprezzati per l'elevata digeribilità. Si tratta di un ortaggio di facile coltivazione sia in pieno campo che in vaso. Per la semina diretta nell'orto occorre piantare i semi in un ambiente protetto verso primavera, in genere, richiedono diverso tempo per germinare e nel momento [...]

  • MANDORLE: FRUTTI GUSTOSI E NUTRIENTI

    Dentro un guscio, duro e protettivo, si nasconde un seme ricco di tanti nutrienti benefici per la salute. L'albero, originario dell'Asia Minore, è presente nel bacino del Mediterraneo da oltre 4000 anni. Qui da noi, Sicilia e Puglia sono le due regioni dove si concentra la gran parte della produzione nazionale. Negli ultimi quattro decenni scorsi, si è assistito ad una drastica riduzione delle superfici adibite alla coltivazione di alberi di mandorle, tuttavia, le varietà coltivate rimangono tutto sommato presenti; basti pensare che nella sola zona del Salento le varietà presenti sono più di dieci e anche di ottima qualità. In primavera, quando le mandorle sono ancora sugli alberi ed entrano  della maturazione, i gusci, legnosi, color marrone, sono avvolti dal mallo. Il seme, invece, da uno stadio acquoso e avvolto da una pellicina di colore giallo, diventa sempre [...]

  • FICHI D’INDIA: DELIZIOSI MA DIFFICILI DA MANEGGIARE

    Deliziosi frutti ricoperti da spine, i fichi d'India colorano e rendono davvero suggestivo il paesaggio di molte regioni del Sud Italia. La pianta, il cactus, non ha origini mediterranee e nemmeno indiane, nonostante il nome. L'origine è centro-americana, per la precisione, il Messico (non ha caso, sulla bandiera di questo stato è raffigurato proprio questa pianta). Qui da noi, nel bacino mediterraneo, in realtà, lo portarono i conquistatori spagnoli , e da qui si diffuse in quasi tutti i paesi del nord Africa che si affacciano sul Mediterraneo, sin anche ad arrivare a diffondersi in Centro-Asia. Siamo in settembre, siamo entrati nella seconda parte di questa estate infuocata, ed ecco i miei due cactus sciorinare in bellavista le loro meraviglie.  Sono piante che non hanno bisogno di molte cure per venire su e nemmeno dell'intervento dell'uomo. Elemento positivo, visto [...]

  • MELANZANE: COLTIVAZIONE, VARIETA’, PROPRIETA’ E USI IN CUCINA

    E anche quest'anno il raccolto di questi ortaggi estivi si preannuncia abbondante e di buona qualità. La pianta della melanzana ha un fusto eretto, parzialmente lignificato, che può crescere fino ad un'altezza di oltre un metro. Sviluppa un'apparato radicale a fittone ma senza scendere oltre i 50/60 cm di profondità, sufficientemente espanso. Le foglie, di forma variabile, da ovale ad acuto, sono ampie, di colore verde scuro, alterne, spesso fornite di spine sulle nervature della parte inferiore. La pagina superiore delle foglie, invece, è ricoperta di una fine peluria. La fioritura della pianta avviene verso maggio inoltrato, con fiori ermafroditi dai petali di una vistosa tinta violetta e gli stami gialli. Il frutto è collegato alla pianta da un lungo peduncolo, spesso legnoso, ricoperto di spine, che arriva al frutto avvolgendolo all'apice con un calice anch'esso spinoso. In pratica, [...]

  • SALVIA: PER AROMATIZZARE E PER CURARE

    La salvia è una pianta arbustiva della famiglia delle Lamiacee, parente quindi di altre aromatiche importanti quali menta, timo, origano e rosmarino. A parte l'odore è facilmente riconoscibile guardando le foglie, caratterizzate dalla forma ovale allungata e soprattutto dalla leggera peluria che le ricopre, conferendo anche un colore verde tendente al bianco grigio. Si tratta di una specie perenne, che raggiunge in altezza il mezzo metro circa e può allargarsi fino a formare un bel cespuglio sempreverde. A inizio estate emette delle spighe fiorite a pennacchio, i piccoli petali sono di colore viola o lilla. E' una pianta che ama il caldo e predilige posizioni soleggiate. Seppur preferisca climi miti, si tratta di una pianta molto resistente al gelo, anche se non lo tollera per periodi lunghi. Non teme la siccità, può invece avere problemi se si verificano situazioni [...]

  • CAROSELLI: PICCOLI MELONI IMMATURI, TIPICI DELLA PUGLIA MERIDIONALE

    Mancano pochi giorni all'arrivo dell'estate e questi piccoli ortaggi, ogni giorno che passa, piano piano, diventano sempre più voluminosi tra i ramoscelli della pianta. Raggiunta la dimensione di un pugno della mano, ecco arrivato il momento per essere raccolti e portati a tavola e consumati. I caroselli assomigliano molto ai cetrioli, molto coltivati in molti territori rurali della Puglia centro-meridionale, sono disponibili in svariate forme e sapori, difficilmente si coltivano in altre zone dell'Italia. Hanno le sembianze di un cetriolo, in realtà non lo sono: meglio parlare di un ibrido tra un cetriolo e un melone, e con quest'ultimo condivide lo stesso numero cromosomico e lo stesso metodo di coltivazione. Si raccolgono e si consumano ad uno stadio ancora immaturo, e rispetto ad un cetriolo, che ha un sapore un pò amarognolo, questi sono più dolci, più digeribili, volendo [...]

  • PESCHE: FRUTTI ESTIVI, SQUISITI, DISSETANTI E SALUTARI

    Siamo in estate, la cesta riposta sulla tavola è ricolma di tante varietà di frutta tipica di questa stagione: angurie, ciliegie, albicocche, susine e, naturalmente, ci sono anche loro: le pesche! Frutti estivi, maturano sui miei alberi tra giugno e settembre,  con una polpa succosa, profumata, di colore giallo- arancio o giallo-rosso. L'albero del pesco, originario della Cina, ha un portamento eretto ed una crescita veloce, raggiunge un'altezza media di 3 - 5 metri, con radici superficiali, rami divaricati e radi, di colore marrone-rossastro, corteccia bruno-grigiastra e foglie strette, dentellate e lanceolate. Predilige climi temperati e teme in particolare le gelate tardive primaverili. La pianta, pur mostrando capacità di adattamento, predilige terren sciolti, non soggetti ai ristagni idrici, perchè è sensibile all'asfissia radicale. Una pianta piuttosto delicata facilmente soggetta a malatie, ma fortunatamente esistono prodotti ecologici con cui si [...]

  • ORIGANO: LA SPEZIA PROFUMATA PER INSAPORIRE E AROMATIZZARE

    Pianta aromatica, a carattere cespuglioso,  i ramoscelli possono estendersi fino a superare i 50 centimetri di lunghezza. Cresce bene e si sviluppa tanto se il clima è caldo-umido, ma si adatta anche al clima freddo. L'importante è che il terreno sia ben drenato e non si formino ristagni d'acqua, perchè farebbero marcire le loro deboli radici. Esistono due modi per far crescere le piantine: il primo è la semina in semenzaio nel periodo invernale, l'altro è quello di seminarlo in primavera già nell'orto o nel campo, possibilmente a ridosso di muri in pietra. Nel caso in cui si utilizzi un semenzaio, è necessario predisporre un sottile letto di torba sul fondo, sul quale verranno sistemati i semi che verranno poi ricoperti col terriccio. In una decina di giorni, le piantine inizieranno a nascere e procedere con il  raccolto delle [...]

  • CAPPERI: PICCOLI BOCCIOLI VERDI

    I capperi sono piccoli boccioli di una pianta che cresce spontanea sui terreni aridi e calcarei. Il raccolto dei primi capperi inizia già dal mese di maggio e si protrae fino a tutta l'estate. Nel mio orto, addirittura, alcune piante sbucano dalle fessure di un muro di contenimento in pietra eretto tanti anni fa. Questi boccioli sono un fiore non ancora sbocciato. Se non lo si coglie e lo si lascia sbocciare, si avrà il frutto vero e proprio chiamato cucuncio. Il cucuncio a differenza del bocciolo ha una forma ovale allungata ed è più sodo e più compatto. Hanno un sapore molto aromatico, e poi sono ricchi di nutrienti preziosi per la nostra salute. Contengono quercitina, una sostanza con spiccate proprietà diuretiche. I capperi, inoltre, proteggono i vasi sanguigni e possono essere un rimedio naturale per curare emorroidi, [...]

  • FICHI: TANTA DOLCEZZA IN BOCCA!

    I fichi sono un prezioso dono dell'estate. Quello che comunemente viene ritenuto un frutto in realtà non lo è: si tratta, infatti, di un siconio, cioè una grossa infruttescenza carnosa, con una forma a pera o sferica, ricca di zuccheri al momento della maturazione; i veri frutti sono acheni, quei piccoli granellini che si trovano all'interno della polpa davvero deliziosa. Non per questo però il fico è meno apprezzato, anzi può diventare un ingrediente molto importante per molte ricette dolci o salate. Con oltre 150 varietà, la buccia del fico si presenta in diverse colorazioni, da quella verde-rossiccia a una nera-bluastra-violacea, mentre le foglie dell'albero sono ampie, trilobate o pentalobate, di un bel colore verde intenso, con i bordi dentellati. Frutti antichi, molto deliziosi, il periodo della raccolta va dall'inizio dell'estate fino a settembre inoltrato. I primi ad essere [...]

  • AGLIO: SI SEMINA IN INVERNO E SI RACCOGLIE IN ESTATE!

    L'aglio è un alimento dalle notevoli proprietà benefiche, per questo motivo non può mancare in un orto domestico che si rispetti. Si semina tipicamente durante l'inverno oppure a febbraio prima della primavera. Si tratta di una pianta erbacea perenne bulbosa, conosciuta fin dai tempi antichi e di origine asiatica, nell'orto si coltiva come pianta annuale riproducendola poi tramite i bulbilli per divisione degli spicchi d'aglio. Il bulbo è protetto da una tunica protettiva e contiene internamente un numero variabile di spicchi, da 6 a 25. Ogni bulbillo contiene una gemma che può dare origine a una nuova pianta. L'aglio ama terreni leggeri, sciolti e teme i ristagni d'acqua. Non necessita di particolari cure e resiste bene anche al freddo intenso. Si riproduce piantando gli spicchi che si ottengono dividendo il bulbo (capocchia). Si piantano per file, interrandoli leggermente con [...]

  • LE ZUCCHINE E I FIORI: ORTAGGI DELIZIOSI, FACILI DA COLTIVARE

    Le zucchine sono uno degli ortaggi più diffusi e più consumati nel nostro Paese. In un orto che si rispetti, questo ortaggio non deve di certo mancare, è delizioso, adatto per chi segue dite ipocaloriche e sicuramente con le zucchine si possono preparare ricette davvero leggere e squisite. Le piante di zucchine sono molto esigenti in quanto a materia organica e sostanze nutritive e per questo occorre una buona concimazione. Per prevenire malattie quali l'oidio, è importante che non vi siano ristagni d'acqua e l'aiuola deve essere preferibilmente assolata. Teme il gelo e sotto i 10 gradi si ferma la crescita. Diciamo che ama temperature intorno ai 15 gradi di notte e 25 gradi di giorno. Questo è da tenere conto in particolare al momento dell'impianto: spesso la coltivazione fallisce perchè gli zucchini vengono piantati troppo presto. Prima di [...]

  • BASILICO: IL RE NELL’ORTO ESTIVO

    Il basilico è la pianta aromatica che più di tutte fa pensare alla cucina italiana. E' diventato un vero e proprio simbolo, perchè parte di molti fra i piatti più celebri della nostra gastronomia come pizza, pasta al sugo e pesto genovese. Anticamente, questa pianta estremamente profumata e fragrante, era considerata una pianta nobile e sacra. Tra gli antichi egizi e greci, il basilico era considerato di buon auspicio per l'aldilà e si usava per le imbalsamature. I cinesi e gli arabi erano a conoscenza delle sue proprietà medicinali, mentre i crociati ne riempivano le navi per allontanare insetti e cattivi odori. Una pianta erbacea della famiglia delle laminacee, originaria dell'Asia. Da coltivare è semplice e si può piantare sia nel terreno che in vaso. La principale cura da avere è di evitargli temperature troppo basse; infatti, con [...]

  • CILIEGIE: DELIZIOSE E SALUTARI, ANNUNCIANO L’ARRIVO DELL’ESTATE!

    Maggio è il mese delle ciliegie! Piccole perle rosse molto gustose con proprietà molto importanti e povere di calorie. Sono talmente buone che puntualmente si incomincia con l'assaggiarne qualcuna e si finisce per mangiarne un botto! Hanno la buccia sottile e polpa carnosa, che avvolgono un nocciolo, l'albero di questi frutti, il ciliegio, è presente nella zona mediterranea da tantissimi secoli e nel tempo ha si sono sviluppate moltissime varietà. Le specie principali della pianta del ciliegio sono due: l'avium, cioè il dolce, molto diffuso in Italia e di grandi dimensioni, e il cerasus, o l'acido, piuttosto diffuso nel Nord Europa. Del ciliegio dolce derivano a sua volta molte varietà, che si possono dividere fondamentalmente in juliana, a polpa tenera, di colore rosso scuro con succo colorato o di colore chiaro con succo incolore, e duracine, che produce i [...]

  • NESPOLE GIAPPONESI: FRUTTI PRIMAVERILI, DOLCI E SUCCOSI

    Siamo in primavera, le giornate all'insegna del sole e del caldo si fanno sempre più frequenti, favorendo la rapida maturazione di questi frutti davvero deliziosi. Le nespole sono frutti originari dell'Oriente, hanno un colore giallastro chiaro, giallo o arancione, e maturano in primavera o all'inizio dell'estate. Si tratta, in realtà, di "falsi frutti", poichè la parte edibile è costituita dall'ingrossamento del ricettacolo che avvolge il vero frutto. Possono avere una forma ovoidale, piriforme o sferica. Hanno la buccia sottile e la polpa color crema. All'interno della polpa si trovano dei grossi semi marroni che possono variare da 1 a 4 a seconda della varietà. Si tratta di frutti delicati che si ammaccano facilmente e si conservano per poco tempo. E' importante consumarle mature, altrimenti allappano al palato, poichè sono molto ricchi di tannini. Il frutto è maturo quando sulla [...]

  • LIMONI: FRUTTI ALLEGRI, SAPORE ASPRO E COLOR DEL SOLE!

    Tantissimi sono i limoni che popolano i miei due alberi piantati nell'orto! A vederli sono un vero spettacolo della Natura, e poi questo loro colore giallo vivo, che li fa splendere tra i rami! In cucina sono diventati praticamente indispensabili per condire e aromatizzare tantissime ricette salate e dolci. Quando viene il momento di preparare un buon tè caldo, oppure nella preparazione di qualche dolce, o un primo o un secondo, ecco l'ingrediente necessario e indispensabile da usare se si vuole conferire al piatto un tono di allegria e genuinità. Ma sono frutti che si sono conquistati un posto d'onore non solo in ambito culinario ma anche in quello della cosmesi e della cura del benessere di corpo e mente. Frutti allegri, insomma, dal colore solare, che maturano tutto l’anno. I popoli antichi ne erano affascinati e li sfruttavano [...]

  • PREZZEMOLO: L’ERBA AROMATICA MOLTO UTILIZZATA PER INSAPORIRE I PIATTI

    Il prezzemolo è un'erba aromatica che si utilizza principalmente per insaporire varie pietanze, soprattutto salate. Fa parte della famiglia delle Ombrellifere, è una pianta biennale, semplice da seminare e coltivare, si raccoglie praticamente tutto l'anno, in particolare da marzo a dicembre. Il prezzemolo teme il gelo, dopo l'inverno generalmente non muore, ricaccia poi per la primavera e poi fiorisce. Si adatta a qualsiasi tipo di terreno, non richiede una concimazione particolare e abbondante, meglio se ci si orienta su letame maturo, cresce bene anche in aiuole di mezz'ombra. La semina si fa da aprile, quando le temperature diventano calde e si mantengono così costantemente, e si continua a piantarlo fino a luglio. Come molte piante biennali, se la temperatura scende sotto i 10 gradi e sente l'arrivo di una gelata, la pianta può andare in pre-fioritura. Il seme impiega [...]

  • PISELLI: DELIZIOSI LEGUMI, COLORANO DI VERDE L’ORTO IN PRIMAVERA!

    Ecco i primi piselli di stagione, dal sapore dolce e inconfondibile, piccole perle verdi che sanno farsi apprezzare per la loro versatilità in cucina e per le tante proprietà che possiedono. Si possono consumare freschi da aprile a giugno, o surgelati o conservati lessati in scatola, per il resto dell’anno. Quando sono freschi, basta sgranarli dal loro baccello, et voilà, deliziosi legumi venir fuori per essere consumate in tantissimi modi, volendo anche crudi, senza esagerare con la quantità! Legumi di origine antichissima, addirittura le prime testimonianze risalgono al 2000 A.C. in Asia Minore. L’Italia è uno dei principali produttori e nel nostro Paese sono tra i legumi più utilizzati e apprezzati anche dai bambini. Tra tutte le verdure leguminose i piselli sono la più semplice come coltivazione, per via delle poche malattie che subisce. Questo ortaggio resiste bene alle [...]

  • CAVOLFIORE: RE DELLA FAMIGLIA DEI CAVOLI

    I cavolfiori sono uno dei principali ortaggi della famiglia dei cavoli. Il periodo di maturazione varia a seconda delle tipologie considerate: le precocissime, che vengono raccolte a ottobre; le precoci, raccolte a novembre – dicembre; la varietà invernale tipiche di gennaio e febbraio; le tardive, che si raccolgono da  marzo a maggio. Si tratta di una coltivazione interessante, che non manca nel mio orto, anche perchè questi cavoli non temono il freddo. La pianta ha un ciclo colturale biennale, forma una radice fittonante profonda che serve a sostenere il fusto sulla cui sommità si formerà una corposa infiorescenza a palla. Quest'ultimo è chiamato corimbo ed è appunto la parte che si mangia. Rispetto agli altri cavoli, si distingue per il colore bianco dei fiori, che gli vale appunto l'appellativo di cavolo fiore. Anche le foglie sono commestibili come verdura cotta, soprattutto le [...]

  • SPINACI: VERDURE AMICHE DELLA VISTA E DEL CUORE

    Gli spianaci si possono coltivare praticamente tutto l'anno. In genere, si seminano in primavera (marzo/aprile) per avere raccolti prima dell'estate, oppure a settembre per averli disponibili in autunno/inverno, e sono tra i prodotti ortofrutticoli più diffusi in Italia e nel mondo. Sono verdure  che crescono rapidamente, resistono al freddo e permettono di sfruttare l'orto anche in periodi meno favorevoli come l'autunno inoltrato. Il suo nome botanico è spinacia oloracea ed è una pianta originaria dell'Asia, anche se conosciuto e coltivato in Europa oramai da secoli. Una verdura di piccole dimensioni, caratterizzata da foglie a rosetta ed è una specie abbastanza rapida da far crescere. Non chiedono molta terra all'orto: è importante solo che abbiano a disposizione un terreno ben lavorato, che dreni l'acqua in eccesso, e riesce tranquillamente a sfruttare la fertilità residua lasciata da altre coltivazioni precedenti concimate. [...]

Le mie ricette

Superfood!

..finalmente si va a correre!!

  • RISCALDAMENTO PER LA CORSA: CONSIGLI PRIMA DI INIZIARE A CORRERE

    In una quotidianità frenetica dove ci troviamo a dover incastrare quel poco tempo da dedicare agli allenamenti, la maggior parte di noi tende a saltare una delle parti principali e più importanti dell'allenamento: il riscaldamento. Ti è mai capitato di iniziare un allenamento senza dover dedicare il giusto tempo al riscaldamento? Di la verità, lo hai mai saltato completamente? E se ti dicessi che è davvero importante? Credimi, il riscaldamento non è una perdita di tempo! Anzi, a mio avviso è parte integrante dell'allenamento di ogni corridore, al di là del grado di preparazione ed esperienza, dell'obiettivo che si vuole raggiungere e della tipologia di allenamento che si andrà a svolgere. Perchè ti sto dicendo di non trascurarlo e [...]

  • 10 ESERCIZI DI STRETCHING STATICO PER LE GAMBE

    Stretching è una parola inglese che vuol dire allungamento (dal verbo “to stretch”). Quindi un insieme di tecniche di allungamento muscolare finalizzato a migliorare la mobilità articolare, ovvero la capacità di muovere un’articolazione nella sua massima ampiezza, senza avere dolori. Lo stretching può essere dinamico e statico. Lo stretching dinamico consiste in ripetizioni di movimenti alla ricerca della massima esecuzione articolare, senza mai forzare. Gli esercizi sono delle oscillazioni controllate che portano dolcemente ai limiti della gamma di movimento Esempio: gli slanci. Questo tipo di stretching migliora la flessibilità dinamica ed è molto utile come fase di riscaldamento. Lo stretching statico, invece, utile nella fase di raffreddamento per ridurre la sensazione di fatica, sono un insieme di esercizi che si ispirano [...]

  • CORRERE IN SALITA E GLI ESERCIZI DI POTENZIAMENTO

    Correre in salita può diventare molto impegnativo, specie se il tratto da percorrere ha una pendenza importante. Sono particolarmente sollecitati i muscoli delle cosce, dei glutei e del polpaccio, con conseguente loro irrobustimento. Il dispendio energetico complessivo aumenta proporzionalmente con l'aumentare sia della pendenza del percorso sia con l'aumentare del peso corporeo. Il numero dei passi al minuto è inferiore rispetto a quello che si tiene in pianura e la fase della spinta in avanti è molto accentuato. Le spalle flettono in avanti, aumenta il movimento delle braccia, e questo per agevolare la spinta dei piedi sul terreno. L'alto impegno muscolare che si verifica quando si corre in salita si accompagna a un cospicuo lavoro respiratorio, in specie a [...]

  • CORRERE IN DISCESA: LA TECNICA CHE TI EVITA GLI INFORTUNI

    Correre in discesa non è il massimo. Possono bastare pochi tratti di dislivello negativo per causare dolori alle gambe se non il vero e proprio rischio di infortuni. Con i dovuti accorgimenti, però, si può affrontare tranquillamente una discesa, più o meno ripida, evitando traumi a muscoli e tendini. Come prima cosa, è bene non seguire l’istinto, che direbbe di tenere indietro le spalle, e invece assecondare il movimento lasciando che le spalle si proiettino a valle: la postura corretta è infatti quella con le spalle perpendicolari all’appoggio dei piedi. Così facendo si riduce anche il rischio di spasmi costali dovuti alla pressione del diaframma su fegato e milza. Un altro errore istintivo è quello di appoggiare per primo il [...]

  • GLI ERRORI DA EVITARE QUANDO SI RICOMINCIA A CORRERE DOPO UN LUNGO STOP

    Ricominciare a correre dopo un lungo periodo di stop, infilandoti le prime scarpe che ti trovi a tiro e poi partire a razzo, è sicuramente il modo migliore per incappare in qualche infortunio, più o meno serio, tale da compromettere il gusto di praticare una piacevole attività fisica all'aperto in modo costante e duraturo nel tempo. I piedi sono la parte fondamentale e indispensabile per correre. Sorreggono il nostro corpo nella fase del movimento, quindi, bisogna indossare delle scarpe da running ad hoc per garantire il massimo confort ed efficienza nella prestazione complessiva. Le scarpe adatte per correre e svolgere al meglio questo sport li trovi nei negozi specializzati nella vendita di scarpe e accessori per la corsa. Qui troverai, [...]

  • CORSA: UN TOCCASANA PER LA MENTE

    Correre fa bene al corpo ma anche alla nostra mente. Le persone che conosco e che praticano la corsa abitualmente dimostrano di essere meno stressate e soprattutto affrontano le situazioni di stress con meno difficoltà. L'attività fisica, in generale, libera la mente dalle preoccupazioni, ti fa stare più tranquillo, sei più concentrato nella realizzazione di un obiettivo. Molte ricerche affermano, infatti, che correre è più efficace, come il trattamento degli stati d’ansia, rispetto alle medicine. Quando si corre, il corpo produce endorfina, una sostanza che  crea un senso di euforia. Questo stato di euforia provoca buon umore nelle persone, le fa sentire più felici e migliori. Una sensazione che provoca una sorta di apparente dipendenza da questa attività. I [...]

  • CORRERE PER ESSERE IN FORMA E VIVERE MEGLIO

    Esistono tanti sport che è possibile praticare stando all’aria aperta e uno di questi è sicuramente la corsa. Ha una tabella da rispettare, un programma da onorare in vista di un obiettivo e quindi, sia che si geli o che faccia un caldo torrido, non puoi tirarti indietro. Devi uscire e correre! Questa è una delle cose che amo maggiormente della corsa: ti costringe a lottare contro il desiderio di restare sotto le coperte per uscire ad affrontare le condizioni atmosferiche peggiori. Anzi, quando non puoi più rinunciare a correre, perchè per te è diventata realmente un’esigenza, più il tempo fuori è avverso e ostile, più diventa una sfida avvincente ed emozionante con te stesso. Tutto poi dipende [...]

  • PLANK: L’ESERCIZIO PER POTENZIARE ADDOMINALI, BRACCIA, SPALLE E GLUTEI

    Il plank è un validissimo aiuto per mantenersi in forma. Si tratta di un esercizio statico, specifico per gli addominali ma, nello stesso tempo, fa lavorare  anche altri muscoli del corpo. In pratica,  con questo semplice esercizio, tonifichi, scolpisci e snellisci tutti i muscoli della parte superiore del corpo. E’ diventato popolare in tutto il mondo perchè molto efficace; si esegue a corpo libero, senza nessun attrezzo specifico. Inoltre, lo si può praticare ovunque e bastano solo 5 minuti al giorno per eseguirlo  e godere dei risultati. Oltre agli addominali, andiamo a rinforzare i muscoli della schiena, fianchi, glutei, spalle e petto. Tonificando questi distretti muscolari, migliora la postura, prevenendo e contrastando diverse patologie ad asse collegate. Per [...]

Iscriviti alla Newsletter!

Torna in cima