Siamo in estate, tanti frutti colorati e succosi arrivano a maturazione e tra questi i fichi, che ti conquistano subito per la loro dolcezza che lasciano sul palato.

Che sia fatta di fichi verdi o neri, la confettura di fichi è una delizia da gustare nei mesi autunnali e invernali. Perfetta da spalmare su fette biscottate a colazione oppure per farcire torte, crostate o biscotti. Il sapore particolare dei fichi si sposa bene anche con i formaggi; quindi perchè non provare a fare un abbinamento con un set di formaggi?

Questa confettura si conserva per circa tre mesi, purchè il sottovuoto sia avvenuto correttamente e i barattoli siano conservati in un luogo fresco e asciutto, al riparo da fonti di luce e calore. Una volta aperto un barattolo, conservare il barattolo iniziato in frigo in frigo e consumare nel giro di 3 – 4 giorni al massimo.

Procedura di sterilizzazione dei vasetti

Dopo aver lavato bene i barattoli e i loro coperchi, inserisci i barattoli in una pentola piena d’acqua e, completamente sommersi, porta a bollore e lascia sterilizzare per un’ora. Spegni poi la fiamma, aggiungi i coperchi, e fai raffreddare in acqua.

Adesso, tira fuori dall’acqua barattoli e coperchi e fai asciugare completamente, su un canovaccio, a testa in giù. La sterilizzazione va fatta però lo stesso giorno in cui ci si dedica alla preparazione della confettura.

Ingredienti

  • 1,5 kg di fichi
  • 1 limone non trattato
  • 500 gr. di zucchero
  • 80 ml di acqua

Preparazione

  • Sciacqua i fichi, elimina i peduncoli e scarta la buccia un pò ammaccata. Taglia in quarti e metti da parte.
  • Grattugia la scorza del limone, poi, taglia a metà e spremi per ricavarne il succo.
  • In un tegame versa l’acqua, i fichi, aggiungi lo zucchero, la scorza del limone con il succo. Metti sul fuoco e fai cuocere a fuoco moderato, mescolando di tanto in tanto con un cucchiaio di legno, fino a raggiungere la consistenza soda e morbida.
  • Versa la confettura ancora bollente nei vasetti precedentemente lavati e sterilizzati, avendo cura di lasciare un centimetro di spazio dal bordo del vasetto. Avvita bene i tappi sanificati anch’essi e lascia raffreddare. Con il calore della confettura si creerà il sottovuoto che permetterà di conservare il prodotto a lungo.
  • Una volta che i barattoli si saranno raffreddati, verifica se il sottovuoto è avvenuto correttamente: premi al centro del tappo e, se non sentirai il classico “click-clack”, il sottovuoto sarà avvenuto correttamente.
  • Conserva i barattoli in luogo fresco e asciutto.

Fichi: frutti antichi, deliziosi, dal sapore unico e inconfondibile!

Ne esistono di tantissime varietà con diverse forme e colori. Pensa, si parla di oltre 150 varietà di fichi esistenti e il periodo della raccolta va dall’inizio dell’estate fino a settembre inoltrato.

La varietà fiorone, ad esempio, matura in primavera-estate (da gemme dell’anno precedente); poi abbiamo la varietà di fichi veri e propri (o forniti), che maturano, invece, in estate-autunno (generalmente agosto-settembre); infine, la varietà tardiva (o cratiri), gli ultimi dell’anno.

Frutti sono molto preziosi per la nostra salute, ricchi di fibreche li rende utili per chi soffre di stitichezza o ha problemi intestinali, vitamina A, vitamine del gruppo B e sali minerali, in particolare calcio, potassio e magnesio.

Un consumo regolare previene la pressione alta, assicura la buona salute di ossa e denti, garantisce una buona fonte di energia da consumare ogni volta che si ha bisogno di un pò di sprint prima o dopo un’intensa attività sportiva.

I fichi freschi devono essere morbidi e con un picciolo sodo, privi di ammaccature e con un odore dolce e fragrante, senza note acide, che sono sempre indice di fermentazione e quindi di un frutto oramai rovinato.

Essendo frutti delicatissimi, possono essere conservati non più di un paio di giorni, possibilmente in frigo, in contenitori chiusi in modo che non assorbano odori estranei.

La buccia non si scarta  e si consuma con tutta la polpa, dopo aver spaccato in due metà il fico.

Una vera delizia consumarli sul momento, al naturale. In cucina, invece, diventano un prezioso ingrediente per comporre antipasti con insaccati o formaggi, o per preparare una gustosa confettura da spalmare su una bella fetta di pane biscottata e gustata a colazione o merenda.

Secchi, invece, farciti con mandorle o noci, diventano uno straordinario snack dolce e molto nutriente, da consumare a colazione oppure come spezzafame nello spuntino di metà mattinata o nei casi in cui si ha bisogno di un apporto energetico per svolgere attività sportive di resistenza.

CosimoC.

Ti è piaciuto questo articolo? Scrivi un tuo commento qui sotto. Se vuoi rimanere sempre aggiornato con la pubblicazione dei prossimi articoli su ricette con fichi, iscriviti subito alla Newsletter, segui costantemente i miei profili social: Facebook, Instagram, Twitter, Pinterest

SEGUIMI SUI SOCIAL

Categorie

Archivio

Tag cloud

Iscriviti alla Newsletter!