Morbida e soffice, si ottiene creando un impasto a base di farina, purea di patate, olio extravergine d’oliva, acqua tiepida, sale e lievito, condito poi con tanti pomodorini affondati in superficie, origano essiccato in polvere e pezzetti di aglio o cipolla. E’ il piatto del week-end in casa mia!

Ingredienti per l’impasto

  • 500 gr. di farina di semola di grano duro, rimacinata
  • 300 ml di acqua tiepida
  • 15 gr. di lievito di birra
  • 130 gr. di patate a pasta gialla
  • 10 gr. di olio extravergine d’oliva

Ingredienti per il condimento

  • 10 – 15 pomodorini
  • sale fino
  • 1/2 cucchiaino di origano essiccato
  • 2 spicchi d’aglio tritati

Preparazione

  • Sciacqua le patate, metti in una pentola piena d’acqua, porta a bollore e fai cuocere fin quando non si infilzeranno con una forchetta.
  • Scola, fai raffreddare un pò, successivamente, pela e inserisci le patate in uno schiacciapatate per ottenere una purea.
  • Adesso, prendi una ciotola capiente, versa la farina, ricava un buco al centro, aggiungi la purea di patate e un po’ d’acqua. Inizia ad impastare, poi, aggiungi il sale, il lievito sciolto in un po’ d’acqua tiepida, e continua ad impastare energicamente per qualche minuto, aggiungendo altra acqua un po’ alla volta. Infine, aggiungi l’olio e impasta ancora un pò per farlo amalgamare bene a tutto l’impasto.
  • Ottenuto un impasto liscio ed omogeneo, copri con della pellicola e attendi che l’impasto raddoppi il suo volume.
  • Terminata questa prima lievitazione, impasta nuovamente per un paio di minuti, poi, copri e attendi nuovamente il suo raddoppio (in totale occorreranno due – tre ore di lievitazione).
  • Terminata anche questa seconda lievitazione, ungi una teglia da 32 centimetri di diametro con olio, sistema all’interno l’impasto e lascialo a riposare per un quarto d’ora.
  • Trascorso questo tempo, con i polpastrelli, allarga l’impasto spingendo delicatamente dall’interno verso l’esterno, andando così a ricoprire tutta la superficie della teglia.
  • Prepara il condimento condimento: taglia a metà i pomodorini e, con una leggera pressione, affonda le metà nell’impasto.
  • Distribuisci i pomodori su tutta la superficie a macchia di leopardo. Allo stesso modo fai con tutti gli altri ingredienti.
  • Inforna a 200 °C per circa 25 minuti nella parte bassa del forno, dopo accendi il grill, sposta la teglia nella parte più alta e fai cuocere fino a quando la focaccia non risulterà ben dorata.
  • Ultimata la cottura, sforno, fai raffreddare…. et voilà una bella focaccia da servire a tavola!

Un pò di storia su questa prelibatezza pugliese!

La focaccia ha origini antichissime, i primi a farla furono i Fenici. Ma non veniva fatta esattamente come la conosciamo oggi!

In pratica, l’impasto era a base di miglio, orzo, acqua e sale che poi veniva cotto su pietra con olio d’oliva, spezie e miele.

Tracce di convivialità legata alla focaccia si trovano anche fra i Cartaginesi e Greci. Dalla Grecia all’antica Roma il passo è breve, dove si scopre che la focaccia veniva offerta agli Dei per poi balzare all’epoca rinascimentale e scoprire che veniva consumata assieme al vino nei banchetti di nozze.

Oggi in Italia è molto diffusa e due sono le regioni che si contendono la paternità: Puglia e Liguria. In Puglia, ad esempio, è molto forte la tradizione  di prepararla e gustarla, sopratutto nella provincia di Bari, dove è usanza mangiarla come spuntino della mattina o in sostituzione del pane a pranzo.

Per l’impasto si usa farina di grano tenero oppure farina di semola di grano duro, rimacinata; si fa lievitare due volte, la seconda lievitazione distanziata dalla prima di un paio d’ore.

Gli ingredienti molto importanti da aggiungere nell’impasto sono l’olio extravergine d’oliva e le patate, perchè il primo, oltre a dargli sapore,  serve per conferire croccantezza; con le patate, invece, doniamo all’impasto sofficità e morbidezza.

CosimoC.

Ti è piaciuto questo articolo? Scrivi un tuo commento qui sotto. Se desideri rimanere aggiornato con la pubblicazione dei prossimi articoli sulle ricette fatte in casa, iscriviti subito alla Newsletter, segui costantemente i miei profili social: Facebook, Instagram, Twitter e Pinterest

SEGUIMI SUI SOCIAL

Categorie

Archivio

Tag cloud

Iscriviti alla Newsletter!