Questo liquore si ottiene mettendo i noccioli della nespola in infusione nell’alcol. Ottimo come digestivo o da usare per aromatizzare i dolci.

Il periodo della preparazione è tra maggio e giugno, quando c’è grande abbondanza di questi frutti. Dopo aver gustato la polpa delle nespole raccolte fresche dai miei due alberi, metto da parte i noccioli in vista della preparazione del liquore.

Molto gustoso da assaporare, ha un sapore simile “all’amaretto di Saronno”. Man mano che passa il tempo diventa sempre più buono, quindi, bisogna pazientare un pò e iniziare ad assaggiarlo dopo 6 mesi e il sapore sarà davvero eccezionale!

Ingredienti

  • 400 grammi di noccioli di nespole
  • 1 litro di alcol 95°
  • 1,3 litri di acqua naturale
  • 500 gr. di zucchero

Preparazione

  • Man mano che mangi la polpa, metti da parte i noccioli, che andranno puliti bene da eventuali rimanenze di polpa.
  • Sciacqua un pò sotto l’acqua correre, successivamente, stendi su un vassoio foderato con un canovaccio e fai asciugare all’ombra per un paio di giorni, all’aria aperta (questa operazione si rivela indispensabile per favorire il distacco della pellicina scura che ricopre la parte chiara del nocciolo).
  • Trascorso questo tempo, priva tutti i noccioli della pellicina scura, aiutandoti, se necessario, con un coltellino.
  • In un barattolo di vetro capiente, versa l’alcol e tutti i noccioli puliti.
  • Lascia in infusione per circa 40 giorni, in un luogo buio (ricordati di scuotere spesso il vasetto durante tutto il periodo di macerazione per facilitare il rilascio degli aromi contenuti dei noccioli nell’alcol).
  • Trascorso il tempo prepara lo sciroppo: in un pentolino, porta ad ebollizione l’acqua con lo zucchero e fai sciogliere quest’ultimo.
  • Una volta sciolto, spegni la fiamma, fai raffreddare completamente.
  • Riprendi l’infuso messo da parte, filtra dei noccioli. A questo punto, miscela le due soluzioni, dai una leggera mescolata,  procedi adesso travasando il composto in delle bottiglie precedentemente lavate e sterilizzate.
  • Chiudi ogni bottiglia ermeticamente, conserva le bottiglie in luogo fresco e asciutto.

Le nespole: gustose e salutari!

Le nespole sono frutti disponibili nel periodo primaverile. Infatti, il periodi di raccolta è tra marzo e giugno. Occorre distinguere due specie differenti di piante: il nespolo europeo e quello giapponese.

I frutti che maturano tra aprile e giugno sono quelli giapponesi. Di forma tonda, di  un bel colore giallo o arancione, racchiudono uno o due grossi semi bruni, nascosti nella polpa morbida e giallognola, molto acquosa e dal sapore dolce e acidulo al tempo stesso che può tendere al vanigliato. Quello europeo, invece, (pianta per lo più selvatica) si raccolgono in ottobre ed hanno una colorazione marrone scura.

L’albero del nespolo giapponese è una pianta sempre verde dal portamento espanso, alta dai 4 agli 8 metri, con foglie grandi e dure dalla faccia superiore di colore verde scuro, mentre la faccia inferiore, verde pallido, si presenta coperta da una peluria molto fitta, che tipicamente ricopre tutte le parti più giovani e non lignificate della pianta, frutti compresi durante la maturazione.

Non ha bisogno di molta acqua, cresce bene in terreni siccitosi e poveri, leggermente basici, mentre incontra difficoltà in terreni umidi e compatti, con ristagni di acqua.

Un importante requisito per una buona crescita della pianta e raccolti abbondanti è l’esposizione in pieno sole, con temperature durante la fioritura e fruttificazione che non dovrebbe scendere sotto i 12 – 15 °C.

Sono frutti molto delicati, perchè tendono a rovinarsi facilmente e questo fattore ne limita un pò la loro commercializzazione. Alle nespole vengono riconosciute proprietà diuretiche ed astringenti. Sono inoltre un blando antipiretico.

La loro assunzione potrebbe risultare utile in caso di febbre. Presentano  un buon contenuto di vitamina C, sali minerali e fibre. Possono essere conservate per periodi molto brevi a temperatura ambiente e fino ad una settimana se li riponi in frigo.

Se ben mature sono buonissime consumate al naturale, un ottimo spuntino ricco di gusto e colore, e forniscono un contrappunto leggermente acidulo ai frutti più dolci, quando sono aggiunte ad una macedonia.

CosimoC.

Ti è piaciuto questo articolo? Scrivi un tuo commento qui sotto. Se vuoi rimanere sempre aggiornato con la pubblicazione dei prossimi articoli su ricette con nespole, iscriviti subito alla Newsletter, segui costantemente i miei profili social: Facebook, Instagram, Twitter, Pinterest

SEGUIMI SUI SOCIAL

Categorie

Archivio

Tag cloud

Iscrizione alla Newsletter!