Lo preparo volentieri e spesso in primavera, quando arrivano i piselli freschi, ma naturalmente, puoi farlo tutto l’anno se disponi di piselli surgelati.

Sapore e profumo però non saranno gli stessi. Per renderlo ancora più fresco aggiungo delle foglioline di menta nella preparazione della crema di piselli, che lo rendono ancora più primaverile.

Ingredienti

  • 400 gr. di riso Carnaroli
  • 2 cipollotti
  • 1/2 bicchiere di vino bianco secco
  • 4 cucchiai di olio extravergine d’oliva
  • 400 grammi di piselli puliti
  • 1 litro di acqua bollente
  • 50 grammi di Parmigiano grattugiato
  • 4 – 5 foglie di menta fresca
  • sale fino
  • Pepe nero in grani da macinare al momento

Preparazione

  • Trita finemente i cipollotti, poi fai rosolare la metà con due cucchiai di olio in un tegame.
  • Quando la cipolla sarà appassita, versa la metà dei piselli con un mestolo di acqua calda e fai cuocere il tutto per circa 10 minuti. Aggiusta di sale e pepe.
  • Trasferisci i piselli in un mixer con le foglie di menta e frulla fino ad ottenere una crema omogenea.
  • In un tegame, fai appassire il trito rimasto dei cipollotti tritati con l’olio, aggiungi il riso e fai tostare per qualche secondo. Aggiungi il vino e fai sfumare. Aggiungi due mestoli di acqua bollente e poco per volta anche la purea di piselli e menta.
  • Mescolando di continuo, aggiungi un pò alla volta altra acqua fino alla cottura definitiva del riso. 
  • Spegni il fuoco e fai mantecare con il formaggio e i piselli interi messi da parte. Servi il risotto con piselli ben caldo.

Ricchi di qualità nutritive come tutti i legumi, i piselli sono anche ottimi al gusto, soprattutto quelli raccolti in primavera quando non hanno ancora raggiunto la maturazione piena.

Quando la stagione è più avanzata, diventano farinosi e perdono gran parte della loro dolcezza: diventano adatti per minestre e purè.

Poichè siamo in maggio, parliamo solo dei piselli freschi i quali, presenti troppo spesso in tavola solo come semplice contorno al burro, sono in realtà ingredienti squisiti che si sposano perfettamente con pasta, riso, pesce e molti altri legumi e ortaggi, dando vita a primi o secondi piatti saporiti e delicati.

Non si conoscono i progenitori selvatici del pisello, che risulta essere coltivato fin dal Neolitico (7000 a.C). Probabilmente, la pianta è originaria delle zone a Nord dell’India e dell’area mesopotamica.

I piselli venivano coltivati e consumati già in epoca molto remota dalle prime civiltà dell’Asia Minore e in Medio Oriente. Sicuramente, erano un alimento ben inserito nella dieta delle popolazioni del Mediterraneo, in particolare di Greci, Etruschi e Romani, come testimoniano molti scritti del greco Teofrasto e del latino Plinio il Vecchio. Nel Medioevo, in Inghilterra, costituivano un cibo basilare dei ceti poveri: all’epoca, addirittura, agricoltori e operai venivano pagati anche con piselli secchi.

Sono ricchi di sali minerali, come potassio, fosforo, calcio, ferro, zinco, interessante il contenuto di vitamina C, vitamina A, vitamine del gruppo B (B1, B2, B3, B6), vitamina K, vitamina E, fibre, acqua, zuccheri e naturalmente le proteine. Un alimento con proprietà diuretiche, depurative, che tiene a bada il colesterolo e la glicemia.

I piselli sono legumi che possono essere consumati in qualsiasi momento dell’anno, grazie alla possibilità di trovarli sia freschi, particolarmente  tra la primavera e l’estate, sia secchi, o congelati o in barattolo/scatola per il resto dell’anno.

Spesso si acquistano surgelati, in barattolo o secchi. Ma quando arriva la primavera ed i banchi espongono i freschi baccelli pronti per essere sgranati dei loro gustosi semi, è importante saper scegliere bene il prodotto migliore e più gustoso.

I piselli, infatti, affinchè risultino teneri e dolci, vanno raccolti a maturazione non ancora completata. Se la raccolta si spinge oltre, il seme acquista consistenza e il sapore tende a perdere in dolcezza.

In frigo i piselli freschi non si conservano per più di tre o quattro giorni al massimo.

CosimoC.

Ti è piaciuto questo articolo? Lascia un tuo commento qui sotto. Per restare in contatto, iscriviti alla NEWSLETTER, segui la pagina FACEBOOK, INSTAGRAM, TWITTER e PINTEREST

SEGUIMI SUI SOCIAL

Categorie

Archivio

Tag cloud

Iscriviti alla Newsletter!