Dolce al cucchiaio senza cottura. Fresco e delizioso, questo dessert vede , infatti, tra gli ingredienti di Savoiardi insaporiti con il mio limoncello. Semplice da preparare, questa piacevole variante di tiramisù si presenta come un ottimo dolce da servire freddo dopo i pasti o da consumare nello spuntino pomeridiano.

Ingredienti

  • 300 gr. di Savoiardi
  • 500 gr. di mascarpone
  • 3 uova
  • la buccia grattugiata di un limone non trattato
  • 180 gr. di zucchero
  • limoncello

Preparazione

  • Separa i tuorli dagli albumi e monta a neve gli albumi con uno sbattitore elettrico.
  • In un’altra ciotola, lavora i tuorli con lo zucchero fino ad ottenere una crema liscia ed omogenea.
  • Aggiungi il mascarpone, la scorza grattugiata del limone, quindi amalgama con lo sbattitore elettrico a velocità media.
  • Unisci gli albumi montati a neve, amalgama con un cucchiaio, mescolando dal basso verso l’alto, per evitare di smontare gli albumi.
  • Inzuppa i biscotti una alla volta nel limoncello e man mano sistema in una pirofila dove sul fondo avrai cosparso qualche cucchiaio di crema.
  • Fatto il primo strato, copri con della crema e ripeti l’operazione formando un secondo strato di biscotti. Termina coprendo con un secondo strato di crema.
  • Il tiramisù è pronto, adesso, riponi in frigo per un paio di ore prima di servire.

Limoni: preziosi alleati in cucina e del nostro benessere!

Aspro, acido, acuto, aromatico e adatto a mille usi: dal liquore ai dolci, dalle bevande estive ai condimenti più svariati, dalle decorazioni natalizie agli oli essenziali…insomma, questi agrumi sono versatili in cucina, e poi sono belli da vedere, con quel loro colore giallo vivo che li rendono unici e inconfondibili!

Qui da noi viene coltivato in modo intensivo in alcune regioni del Sud. L’albero di questi frutti fiorisce 4 volte l’anno e praticamente tutto l’anno hai la possibilità di raccogliere limoni belli, rigogliosi e succosi.

Sull’albero di limone è possibile trovare insieme le zagare, i fruttini verdi in fase di sviluppo e i frutti maturi: uno spettacolo di colori e di profumi davvero particolare!

Conosciuto fin dall’antichità con il nome arabo limun, il limone è sempre stato utilizzato per i suoi naturali effetti terapeutici. Nel Medioevo furono i crociati a diffonderlo in Europa, importandolo dall’Oriente.

Oltre che un alimento, è considerato un farmaco naturale. I componenti acidi del suo succo producono un’intensa azione batteriologica e gli effetti della vitamina C rafforzano le nostre difese naturali.

Il limone ha proprietà digestive, dissetanti e rinfrescanti, ma è anche un frutto aromatizzante, antireumatico e ipotensivo.

Il suo alto contenuto vitaminico contribuisce alla difesa delle ossa agevolando la fissazione del calcio e favorendo l’integrità dei capillari, oltre ad essere un ottimo supporto per le diete dimagranti, grazie alle sue poche calorie e alla sua funzione diuretica.

Un apporto moderato riattiva le funzioni di pulizia del nostro organismo.

Come si conservano i limoni?

Riponi i limoni in frigo, nel cassetto in basso (dove la temperatura è più alta). A temperatura ambiente puoi conservare, insieme alla frutta soltanto quelli che intendi usare a breve. Se è tagliato, usa la pellicola trasparente.

Molti avvolgono il limone tagliato nell’alluminio nella spoeranza di conservarlo il più a lungo possibile, senza che si secchi o diventi amaro, ma è sbagliato!

Gli acidi presenti nell’agrume interagiscono con l’alluminio e ne alterano il sapore. Meglio usare la pellicola trasparente e sistemarlo in un comparto nella porta del frigo.

CosimoC.

Ti è piaciuto questo articolo? Scrivi un tuo commento qui sotto. Se vuoi rimanere sempre aggiornato con la pubblicazione dei prossimi articoli su ricette con limone, iscriviti subito alla Newsletter, segui costantemente i miei profili social: Facebook, Instagram, Twitter, Pinterest

SEGUIMI SUI SOCIAL

Categorie

Archivio

Tag cloud

Iscriviti alla Newsletter!