La torta perfetta da gustare con una tazza di tè speziato, il modo ideale per godersi pienamente i piaceri segreti di questa stagione.

Prima di servire la faccio raffreddare un pò, poi spolverizzo in superficie del cacao in polvere. Quello che resta si conserva in frigo e così si mantiene integra per due-tre giorni.

Ingredienti

  • 600 gr. di cachi vaniglia maturi
  • 300 gr. di zucchero
  • 5 gr. di sale
  • 350 gr. di burro freddo
  • 500 gr. di farina 00
  • 20 gr. di cacao amaro in polvere
  • 1 pizzico di cannella in polvere

Preparazione

  • Lava i cachi, ritaglia il picciolo, elimina la buccia, poi affetta grossolanamente e metti da parte.
  • In una ciotola ampia, versa la farina, lo zucchero, il sale, la cannella in polvere, il cacao, mescola bene per amalgamare le polveri.
  • Taglia a cubetti il burro e unisci anche questo nella ciotola. Lavora l’impasto velocemente per ottenere un impasto farinoso.
  • Prendi una teglia di 26 cm di diametro, imburra fondo e bordo e cospargi della farina. Versa metà dell’impasto e livella con una forchetta.
  • Versa sopra la purea di cachi e distribuisci uniformemente, livellando con un cucchiaio.
  • Infine, aggiungi l’altra metà dell’impasto in modo da ricoprire completamente lo strato di purea di cachi.
  • Inforna a 180 °C per 40 minuti. A cottura ultimata, sforna e cospargi sopra del cacao in polvere.

Cachi: frutti dolci dell’autunno!

I cachi sono frutti che diventano molto dolci quando arrivano a completa maturazione. Se, invece, sono ancora acerbi, sono immangiabili, perchè in questa fase il contenuto di tannini è molto elevato, per cui si crea l’effetto allappante in bocca!

Frutti autunnali con proprietà lassative e diuretiche, grazie al buon contenuto di fibre, che danno una mano a regolarizzare le funzionalità intestinali.  Con la loro ricchezza di acqua  reidrati a fondo l’organismo e, nello stesso tempo, stimoli la diuresi. Contengono anche vitamina Cvitamina K, vitamina A e sostanze antiossidanti (betacarotene, licopene, luteina, zaxantina).

Insomma, una sinergia di sostanze preziose per il benessere di pelle, vista, capelli e tenere a debita distanza tutte quelle tossine responsabili dell’invecchiamento precoce delle cellule del nostro corpo.

Le varietà che possiamo trovare sui banchi della frutta sono i cachi comuni e i cachi mela o vaniglia. Il cachi comune non è consumabile subito dopo la raccolta; deve, infatti, essere “ammezzito” ovvero, fatto maturare fino a perdere il contenuto di tannini.

Da questa maturazione segue una produzione di zuccheri che lo renderà, appunto, dolcissimo. Il secondo, invece, ha una consistenza soda ma pur sempre dolce e gradevole al palato.

Ottimi da gustare così come sono e perfetti per concludere il pranzo come dessert, i frutti “super” per deliziare il palato con gustose ricette dolci e salate.

Si possono conservare in frigo per qualche giorno, se non eccessivamente maturi, oppure all’esterno in un luogo fresco ed al riparo da fonti di calore se ancora acerbi. In questo caso, per favorire la maturazione, basta riporli in un cestino di vimini o in una cassetta e poi collocare all’interno anche qualche mela: dopo qualche giorno risulteranno maturi.

CosimoC.

Ti è piaciuto questo articolo? Scrivi un tuo commento qui sotto. Se vuoi rimanere aggiornato con la pubblicazione dei prossimi articoli su ricette con cachi, iscriviti subito alla Newslwtter, segui costantemente i miei profili social: Facebook, Instagram, Twitter, Pinterest

SEGUIMI SUI SOCIAL

Categorie

Archivio

Tag cloud

Iscrizione alla Newsletter!