Una vera delizia, semplice da preparare, gustosa e sopratutto leggera. Con poche mosse crei un piatto vegetariano perfetto da gustare come antipasto, come piatto unico, oppure da portare con se al lavoro o ad un pic-nic.

Ingredienti 

  • 500 gr. di farina 00
  • 230 ml di acqua
  • 25 gr. di olio extravergine d’oliva
  • 1 kg di bietole da pulire
  • 250 grammi di ricotta
  • 80 gr. di pecorino dolce grattugiato
  • 1 uovo
  • 1 cipolla
  • Sale fino
  • Pepe nero

Preparazione

  • In una ciotola capiente versa la farina, olio e acqua.
  • Impasta velocemente fino ad ottenere un impasto non troppo duro, liscio ed omogeneo.
  • Forma una palla, avvolgi nella pellicola trasparente e fai riposare a temperatura ambiente per 1 ora.
  • Nel frattempo, pulisci, lava e monda la bietola, separando i gambi dalle foglie.
  • In una pentola, porta ad ebollizione abbondante acqua leggermente salata e immergi dapprima i gambi, dopo 4 – 5 minuti aggiungi anche le foglie e continua a cuocere per altri 4 – 5 minuti.
  • Scola, fai raffreddare un pò, poi trita tutte le bietole grossolanamente con un coltello.
  • Versa in una ciotola le bietole tritate, aggiungi la ricotta, il formaggio grattugiato, cipolla tritata, l’uovo, sale e il pepe.
  • Mescola bene fino ad ottenere un composto omogeneo.
  • Dividi la pasta sfoglia a metà.
  • Stendi una parte della pasta aiutandoti con un mattarello e poi inserisci in una teglia da 26 cm di diametro e spennella con dell’olio.
  • Versa all’interno il ripieno e livella.
  • Stendi l’altra parte di pasta sopra il ripieno.
  • Aiutandoti con delle forbici da cucina, taglia la pasta in eccesso e chiudi i bordi.
  • Utilizzando un ago, bucherella la torta in superficie fino ad arrivare quasi al fondo.
  • Inforna a 180 °C per 40 – 45 minuti.
  • Servi la torta tiepida o a temperatura ambiente.

L’ingrediente principe di questa ricetta è naturalmente la bietola, verdura molto deliziosa al palato che ti da la possibilità di creare tantissime ricette oltre questa. Per non parlare dell’aspetto nutrizionale che è di tutto rispetto. Verdure a foglie larghe, a forma di spatola, di colore verde intenso e lucente, con costa centrale chiara o, in certe varietà, rossiccia. I tipi di bietola più diffusa sono due: bietola da taglio (chiamata anche erbetta), della quale si utilizzano principalmente le foglie larghe, a cespo, con nervature marcate; bieta da coste (chiamata anche costa) con foglie più grosse, gambi carnosi e colore variabile secondo la varietà. Una delle più conosciute è la varietà Lucullus, a coste bianche, ma esistono anche la varietà a coste violette e a coste argentee.

Si raccolgono tutto l’anno, tranne che nei mesi più freddi: il miglior raccolto si ha all’inizio dell’inverno e in primavera. Sono molte le regioni italiane in cui si coltivano le diverse tipologie di bietola. Le produzioni più vaste si trovano in Emilia-Romagna, Veneto, Marche, Lombardia e Puglia, ma anche in Piemonte, Lazio, Toscana, Liguria e Sicilia non mancano coltivazioni importanti. Alcune varietà di bietole sono state iscritte nell’elenco Nazionale delle Produzioni Agroalimentari Tradizionali (PAT) e rappresentano la testimonianza di un patrimonio alimentare italiano da scoprire e da tutelare.

Ricca di vitamine A, E, C, K , fibre, sali minerali e varie sostanze antiossidanti, le bietole sono depurative, rinfrescanti, aiutano a prevenire l’invecchiamento precoce delle cellule del nostro corpo e sono anche diuretiche. Il buon apporto di vitamine e antiossidanti li rendono ideali per il buon funzionamento del sistema nervoso, mentre il calcio, il ferro, il potassio e il magnesio garantiscono benessere alla vista, pelle, capelli e tessuto osseo.

Il modo migliore per consumare le bietole, specialmente le bietole erbetta, è crude in insalata. Possono essere associate ad altri ortaggi e foglia larga, come spinaci, lattuga e a qualche carota taglia a pezzettini. Sono ottime anche in misticanza con rucola, radicchio e altre erbe, condite con aceto balsamico e olio d’oliva.

Il calore della cottura elimina o degrada molte delle sostanze nutritive della bietola, perciò è bene preferire metodi come la cottura a vapore o la lessatura in acqua ma per non più di 5/7 minuti. E’ importante ricordare che la parte verde delle foglie e i gambi hanno tempi di cottura diversi; quindi, è consigliabile cuocerle separatamente: se lessate, le foglie sono pronte in 5 minuti, mentre per i gambi i tempi si allungano fino ad arrivare ai 15 – 20 minuti. Bietole erbetta e bietola a coste sono perfette come ingrediente per minestroni e minestre e come ripieno nella pasta fresca, nelle omelette, nei secondi a base di carne, nelle torte salate, in sformati e focacce. Come contorno si abbinano perfettamente alle patate lesse, alle uova e alle carni, sia rosse che bianche, ma sono molto gustose anche con il pesce, per esempio, le seppie o il merluzzo.

CosimoC.

Ti è piaciuto questo articolo? Condividilo sul tuo social preferito o scrivi un tuo commento qui sotto. Se vuoi essere aggiornato con l’attività del blog, iscriviti alla Newsletter, segui i canali social: Facebook, Instagram, Twitter, Pinterest

Iscrizione alla Newsletter!

I CANALI SOCIAL DEL BLOG

Categorie

Archivio

Iscrizione alla Newsletter!